Coronavirus, la studentessa cinese arrivata a Genova non arrivava affatto da Wuhan - Genova 24
Facciamo chiarezza

Coronavirus, la studentessa cinese arrivata a Genova non arrivava affatto da Wuhan

Della regione dell'Hebei - dove i casi di contagio sono inferiori alla media italiana - e non dell'Hubei: per questo non è stata fermata

Generica

Genova. Non era di Wuhan e della regione dell’Hubei, l’epicentro del Coronavirus, ma di quella dell’Hebei, la stessa di Pechino, dove la concentrazione di casi di contagio è più bassa rispetto alla Liguria. Anche per questo la 28enne cinese, studentessa, arrivata dalla Cina a Genova non è stata fermata o accompagnata a domicilio una volta sbarcata a Malpensa dopo aver fatto scalo a Dubai.

L’aeroporto lombardo, informato dalla Regione Liguria dell’arrivo della donna, ha effettuato dei test sulla temperatura e, come da prassi, non avendo la febbre e non trattandosi di un caso a rischio, è stata lasciata andare. Martedì sera è arrivata a Genova dove ha poi trovato ospitalità a casa di un amico e qui si è messa in quarantena spontaneamente, avvertendo le autorità. La quarantena è poi diventata obbligatoria, per prassi.

Di tutta la vicenda, la 28enne cinese, aveva informato Aliseo, l’agenzia regionale per gli studenti e l’orientamento. Nessun giallo e nessuna falla, quindi, ma solo un malinteso dovuto alla scarsa conoscenza della realtà cinese.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Caso
Coronavirus, studentessa arriva dalla Cina a Genova. Regione: “In isolamento a casa, sta bene”
Sedi istituzionali e palazzi e piazze simbolo della città
Aperta o chiusa?
Coronavirus, domenica si decide anche per l’università: “In caso di chiusura lezioni via web”