Coronavirus, a Genova scanner per misurare la febbre a chi si imbarca sulle navi da crociera - Genova 24
Misure

Coronavirus, a Genova scanner per misurare la febbre a chi si imbarca sulle navi da crociera

Una stanza dedicata in stazione marittima per controllare i passeggeri. Monzani: "Per ora nessun caso ma c'è maggiore attenzione"

Porto genova crociere msc

Genova. Due scanner per misurare la febbre a distanza ai passeggeri che si imbarcano sulle navi da crociera per essere certi che non abbiano sintomi riconducibili al coronavirus. È la misura adottata a Genova, come anche in altri porti italiani, per limitare il contagio. Al momento le due apparecchiature sono state collocate in una stanza apposita della stazione marittima.

A spiegarlo è l’amministratore delegato di Stazioni Marittime, Edoardo Monzani: “Si tratta di dispositivi forniti dalle compagnie, sono termometri particolarmente affidabili che misurano la febbre anche a distanza. Si trovano in una sala adibita al transito dei passeggeri che devono essere imbarcati. I croceristi vengono informati, firmano un modulo apposito, gli viene misurata la febbre, poi salgono a bordo. Ne abbiamo un paio. Ogni singolo viaggiatore deve entrare all’imbarco con i tempi dovuti”.

Al momento, spiega Monzani, non ci sono stati casi sospetti a Genova e la situazione non desta ancora allarmi. “C’è maggiore attenzione, soprattutto a livello di imbarco – puntualizza -. L’ultima parola spetta alle navi che possono accettare o non accettare i passeggeri. Per quanto riguarda lo sbarco invece ci sono accordi tra i medici del porto e i medici di bordo. Il via libera viene dato solo quando si è certi che non ci siano portatori del virus”.

Le misure precauzionali al momento riguardano solo le crociere perché “sui traghetti la traversata può durare al massimo 24 ore, non ci sono permanenze a bordo significative”. Le principali compagnie, come Costa e Msc, hanno già vietato da settimane l’imbarco ai passeggeri che di recente sono stati in Cina, mentre ulteriori restrizioni sono applicate a chi presenta sintomi influenzali. Gli scanner presenti a Genova sono insomma l’ultima barriera di sicurezza prima che i turisti raggiungano le navi.

L’allarme globale comunque preoccupa gli operatori del settore. Su 30 milioni di croceristi in tutto il mondo sono 4 quelli di origine asiatica, secondo dati riportati oggi dal presidente dell’autorità portuale Paolo Emilio Signorini. “L’impatto francamente non si può calcolare, spero non ci sia nessuna ricaduta negativa – aggiunge Monzani -. Purtroppo abbiamo esempio in Giappone di una nave ferma, speriamo che non succeda qua. Mi sembra che tutte le misure messe in pista dagli armatori siano per fare in modo che le crociere siano divertenti come devono essere”.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Lo studio
Coronavirus, Confindustria Genova: “Calo e poi boom per l’economia come per la Sars ma deve passare in fretta”
Generica
Virus
Coronavirus, genovesi in fuga dai ristoranti cinesi: “Noi vittime di razzismo, ora rischiamo di fallire”
San Martino ospedale pronto soccorso codice rosso sanità policlinico
Emergenza
Coronavirus, a Genova pronte ambulanze dedicate per pazienti infetti a bordo delle navi
Turisti cinesi Liguria
Ricadute
Coronavirus, l’allarme stronca il turismo in Liguria: nel 2020 perderemo 127 milioni di euro
Generica
Controlli
Coronavirus, misurazione della temperatura a chi rientra in aereo dalla Cina
Costa Smeralda, le immagini della presentazione
Emergenza
Coronavirus, allarme sulle navi: anche Costa vieta le crociere a chi è stato in Cina
msc crociera - terminal traghetti - porto di genova
Pericolo dal mare
Coronavirus, occhi puntati su traghetti e crociere: a Genova pronti guanti e mascherine nei terminal
Generica
Allarme
Coronavirus, prime ricadute sul porto di Genova: merci dalla Cina in calo del 5%
Manifestazione cinesi
La manifestazione
Coronavirus, la comunità cinese in piazza: “Siamo quelli di sempre, no a paure ingiustificate”