Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

“Cambiamo con Toti presidente”, svelato il simbolo ufficiale per le regionali in Liguria

Il compromesso del governatore per il logo civico: "Sarà un punto da cui ripartire"

Genova. Un grande cerchio arancione, la Liguria stilizzata, il nome Toti in blu a figura piena, la scritta “Cambiamo” piccola in cima. Ecco svelato il simbolo ufficiale della lista civica che supporterà il governatore ligure nella coalizione di centrodestra a caccia del bis al timone della regione.

Generica

La presentazione ufficiale si è tenuta oggi all’hotel Bristol con tutti i volti chiave del movimento politico creato da Giovanni Toti: gli assessori Cavo, Scajola e Giampedrone, i consiglieri regionali Lauro e Vaccarezza, uomini di Bucci come Anzalone e Maresca, la deputata Gagliardi. E poi ancora sindaci, amici, ex big di Forza Italia (su tutti Biasotti, il primo a spingere il progetto “arancione” cinque anni fa), futuri candidati e simpatizzanti.

Generica

“Cambiamo! ci sarà insieme alla lista del presidente della regione, visto che le due cose coincidono”, chiarisce il governatore. Una scelta di compromesso che si riflette anche nei canoni grafici. “Cambiamo con Toti presidente”, è lo slogan che emerge nel complesso. Il logo è differente da quello del movimento nazionale ma contiene comunque un richiamo al nome nella parte alta. Molto arancione e poco blu, un dettaglio cromatico che farà piacere anche a Forza Italia, preoccupata di sentirsi in concorrenza dopo il ritorno del sereno tra Berlusconi e il suo ex delfino.

Un simbolo che accontenta tutti, insomma. Perché in sostanza sarà la lista di Toti, come appare evidente dalle proporzioni tra le scritte. L’obiettivo, sebbene implicito, è arrivare alla doppia cifra: “Se stiamo ai sondaggi siamo abbastanza popolari”, chiosa Toti. E le ultime rilevazioni indicano la lista civica intorno al 9%. “È un punto di sintesi e di inizio, diciamo che ripartiamo – continua -. La lista che presentiamo oggi è figlia di quell’esperienza civica che ci ha portato a vincere alle scorse regionali e in tante città dove il centrodestra mai aveva governato. Vuole mettere insieme tutte le migliori esperienze civiche e amministrative dei nostri sindaci, un punto di sintesi coi nostri alleati. Non è un inizio ma una tappa”.

Generica

Abbracci, selfie e sorrisi riempiono la sala. L’impressione di essere i favoriti sulla carta si nota nelle espressioni e negli sguardi. Però, al momento, nessuna intenzione di allargare la coalizione a chi nel frattempo litiga con quelli che ormai sembrano ex alleati: “Allargare a Italia Viva? A livello nazionale mi sembra di tutta evidenza che Renzi stia facendo un percorso del tutto diverso dal centrodestra – risponde Toti -. Io non ho mai escluso nessuno purché sia coerente e d’accordo con un progetto politico che stiamo portando avanti in questa regione. E francamente gli esponenti di questa regione di Italia Viva rappresentano non il nuovo, ma il trapassato remoto”.