Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Asl 3, prorogati gli ambulatori per codici bianchi nei fine settimana

Utili soprattutto quando la problematica di salute può essere affrontata e risolta senza andare in pronto soccorso

Più informazioni su

Genova. Proroga fino al 30 settembre dei tre ambulatori di continuità assistenziale aperti nei fine settimana, nei festivi e prefestivi presso la Croce Rosa di Rivarolo, presso il Palazzo della Salute di Fiumara e presso l’ex ospedale S. Antonio di Recco. Il servizio di Asl3, dedicato ai cosiddetti ‘codici bianchi’, si è confermato come una delle formule più gradite ai cittadini e come valida alternativa ai Pronto Soccorso nel week end, quando la salute non è a rischio ma il disturbo infastidisce e crea preoccupazione.

La prima sperimentazione risale a fine 2018 con l’attivazione del Polo in Valpolcevera, a Rivarolo in collaborazione con la Croce Rosa, per far fronte all’emergenza legata al crollo di ponte Morandi e finalizzata a ridurre il più possibile gli spostamenti dei cittadini attraverso la città, alleggerendo il carico già gravoso sui Pronto soccorso genovesi. Un servizio decisamente utile che nel tempo è sempre stato riconfermato in relazione ai risultati ottenuti.

Sabato, domenica, festivi e prefestivi dalle ore 8 alle ore 20 con accesso diretto gratuito e senza impegnativa. E’ questa in sintesi l’offerta. Un Ambulatorio “facile”, punto di riferimento per il cittadino quando gli studi dei medici di medicina generale sono chiusi e dove è possibile trovare una risposta rassicurante da parte di un medico della continuità assistenziale (guardia medica).

“Dopo l’importante esperienza su Rivarolo – spiega Lorenzo Sampietro, Direttore Sociosanitario Asl3 – abbiamo deciso di estendere il servizio durante le ultime festività e in vista del periodo influenzale anche al Palazzo della Salute di Fiumara e all’ex Ospedale S. Antonio di Recco in via sperimentale fino al 30 aprile. In considerazione dell’importante successo – continua – l’iniziativa è stata prorogata fino al 30 settembre 2020, allineando i due ambulatori a quello di Rivarolo, per il quale era già stata comunicata la conferma a quella data. L’elevato afflusso di cittadini, con picchi di 23 visite in una sola giornata, ha infatti confermato la validità e il gradimento di questi nuovi servizi”.

La notizia della proroga era stata anticipata nei giorni scorsi dalla vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale: “A fronte della preoccupazione che si era diffusa attraverso i social media circa una possibile interruzione di questo servizio sperimentale, era giusto rassicurare i cittadini che potranno continuare a rivolgersi a questi ambulatori anche per tutto il periodo estivo. Ritengo – conclude l’assessore – che si tratti di una risposta efficace, nella direzione dell’integrazione tra l’ospedale e il territorio, per avvicinare i servizi ai cittadini, soprattutto quando la problematica di salute può essere affrontata e risolta senza andare in Pronto soccorso”.