Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

A Genova sfida a distanza Santori-Salvini: a Certosa il tour delle Sardine, alla Fiera la cena leghista

Il leader del movimento in piazza Petrella alle 16, in serata appuntamento per oltre 1.500 persone col segretario del Carroccio

Genova. Mentre infuria in Italia l’allarme coronavirus a Genova sarà una giornata bollente anche e sopratutto dal punto di vista politico. In ordine cronologico riflettori puntati su Certosa, dove ci saranno le Sardine col loro fondatore nazionale Mattia Santori, e poi sulla Fiera dove in serata il leader della Lega Matteo Salvini parteciperà alla cena con 1.550 sostenitori.

Inizia dunque da piazza Petrella alle 16, nel cuore del quartiere-simbolo del crollo di ponte Morandi, il tour genovese delle Sardine in vista delle elezioni regionali. “Un pomeriggio di incontri, racconti, idee, condivisioni e buona musica”, si legge nel comitato del coordinamento locale. Data e luogo non casuali, insomma. Da un lato la sfida a debita distanza con il Capitano leghista, dall’altro la necessità di recuperare simpatie dopo la foto con i Benetton e l’enorme polemica seguita alle dichiarazioni di Oliviero Toscani.

“Questo quartiere, in questo particolare periodo storico, sta pagando prezzi altissimi e abbiamo particolarmente a cuore le sofferenze dei suoi abitanti, che sono le nostre”. Al momento le Sardine non hanno un candidato da sostenere, anche perché nessuno per ora – a parte la grillina Alice Salvatore, osteggiata da una parte del Movimento 5 Stelle – è sceso in campo contro il candidato del centrodestra, Giovanni Toti.

Giovanni Toti che invece sarà presente stasera insieme al sindaco Marco Bucci e al segretario ligure della Lega Edoardo Rixi alla mega cena in Fiera con Matteo Salvini. Ieri i militanti hanno apparecchiato per 1.550 persone al piano superiore del padiglione blu. Si entra solo con biglietto, 30 euro per i tesserati (prelazioni chiuse il 31 gennaio), 80 euro per tutti gli altri. Appuntamento alle otto ma l’ex ministro arriverà verso le 19-19.30.

Sarà un menù ligure, fanno sapere dal Carroccio. Quasi scontate le trofie al pesto. Un menù con prodotti del territorio, ma di più non è dato sapere. Al momento non si prevede alcuna contestazione: i 1.500 e oltre saranno fatti entrare direttamente nell’area della Fiera che sarà presidiata dalle forze dell’ordine con uomini in divisa e agenti della Digos.