Treni aggiuntivi, revisione tariffe e sincronizzazione cantieri: i primi passi per salvare la Valle Stura - Genova 24
Impegni

Treni aggiuntivi, revisione tariffe e sincronizzazione cantieri: i primi passi per salvare la Valle Stura fotogallery

Appuntamento tra un mese per il prossimo incontro con il prefetto: sarà presente anche Autostrade per l'Italia

Genova. Treni aggiuntivi fino a fine anno scolastico, una revisione della tariffazione e la sincronizzazione tra autostrade e trasporto pubblico per i prossimi interventi sulla linea autostradale, tra cui i lavori di varo delle travi del nuovo ponte.

Questi sono gli impegni richiesti durante il tavolo convocato dal prefetto Carmen Perrotta con i sindaci di Valle Stura e Orba, che oggi pomeriggio si è riunito a Genova, accompagnato dal presidio dei cittadini, per affrontare le criticità legate alla mobilità che stanno tenendo in scacco tutta l’area.

Un incontro incentrato sul trasporto pubblico; per questo motivo Autostrade per l’Italia non era presente, non convocata: “Il tavolo di oggi avrà un aggiornamento tra un mese – sottolinea Katia Piccardo, sindaco di Rossiglione – e abbiamo chiesto ci sia anche Aspi, oggi non presente, perché molte delle doglianze che oggi abbiamo portato al prefetto hanno com interlocutore la società Autostrade, e abbiamo ottenuto che saranno al prossimo tavolo”.

Nel frattempo sarà operativo un tavolo in regione con l’assessore Berrino, Rfi, Fsi e Atp per parlare di tarriffazione e sincronizzazione dei servizi tra ferro e gomma: il primo risultato è che la 14esima coppia di treni sarà garantita fino a marzo dai fondi ministeriali, che, se questi non saranno rinnovati, saranno sostenuti da Ragione Liguria fino alla fine di questo anno scolastico. “Una buona possibilità che credo sia propedeutico a risolvere i problemi annosi della valle, che si sono solo che aggravati con le emergenze di questi mesi”, ha commentato Gianni Oliveri, sindaco di Campo Ligure. Atp invece si è impegnata a rivedere le tariffe del servizio, e a fornire maggiori informazioni in tempo reale alle stazioni.

Il prefetto ha assicurato l’impegno a riportare ad Autostrade per l’Italia tutte le doglianze oggi presentate al tavolo, tra cui anche la richiesta di un risarcimento economico “per i danni subiti dalla valle in questi mesi”, ha spiegato il sindaco di Masone Enrico Piccardo “sottoforma di finanziamento del trasporto pubblico o altro”.

Nel frattempo il prefetto sentirà Aspi per aver informazioni sulla riapertura della galleria Bertè, ad oggi ancora chiusa, con l’impegno anche ad assicurare che i monitoraggi sugli interventi e manutenzioni svolte sia certificato.

La questione della riapertura della galleria della A26 è centrale anche per i servizi di trasporto, come Atp, ma anche e soprattutto in previsione delle necessarie chiusure della rete ferroviaria per consentire la posa dell’impalcato di 100 metri del nuovo ponte; con ogni evidenza questa sospensione non potrà avvenire con la galleria ancora chiusa: “Abbiamo chiesto di pretendere tempi certi per riapertura, perchè la Valle non può sostenere l’accavallamento delle chiusure di A26 e ferrovia”.

leggi anche
Protesta Valle Stura
Manifestazione
“Per chi suona la campana”, a Genova la protesta della Valle Stura contro l’isolamento
lavori ferrovia ponte morandi
Nuovo nodo
Nuovo ponte, per l’ultimo impalcato sul Polcevera stop di 11 giorni alle linee ferroviarie
Generica
Il commento
Valle Stura e trasporto pubblico, Berrino: “Serve risposta dal governo”
Viadotto Piani
Presidio
“Adotta un viadotto”, la Valle Stura si organizza per monitorare i ponti della A26