Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Traffico, Genova al 46° posto al mondo per congestione: 148 ore all’anno a testa foto

E' la media di ore trascorse da ogni cittadino in coda tra le strade della città

Più informazioni su

Genova. Un posto di riguardo nella top 50 mondiale e quarta assoluta per quanto riguarda il nostro paese: la Superba si distingue per la congestione del traffico, con ben 148 ore all’anno perse in media da ogni genovese.

A rivelarlo una ricerca del Global card scorecard di Inrix, analisi dei trend della congestione urbana in 200 città di 38 Paesi. Prima in classifica Bogotà: per quanto riguarda le altre città italiane, secondo il rapporto di Inrix che si riferisce al 2018, Firenze è 15/ma con 195 ore perse nel traffico, Napoli è 17/ma (186 ore), Torino è 22/ma con 167, Genova è 46/ma con 148 ore e Bologna è 47/ma con 147 ore.

Migliore la situazione a Bari (71/ma e 133 ore perse), e Palermo (83/ma con 119 ore perse). Dal rapporto emerge anche che Dublino, terza in questa classifica, ha la velocità media più bassa dei veicoli nel centro cittadino con 9,5 chilometri l’ora (i pedoni si spostano ad una velocità di circa 5 km l’ora).

La congestione urbana, poi, ha anche un costo, che è particolarmente elevato per gli abitanti di Boston (2.291 dollari pro capite all’anno). Sostanziale anche la spesa dei londinesi, pari a 1.680 sterline all’anno. “C’è un altro inquinante che riduce la qualità della vita delle persone oltre allo smog, sono le ore perse nel traffico da ogni cittadino e Roma e Milano sono tra le città nel mondo con il maggior numero di ore perse per ogni cittadino nel traffico”, spiega il coordinatore nazionale dei Verdi Angelo Bonelli, commentando in dati.

“La quantità di auto circolanti in Italia – aggiunge – e’ tra le più alte d’Europa e questa e’ anche una causa dell’emergenza sanitaria rappresentata dal superamento dei limiti di legge di Pm10 e 2.5 e i sindaci devono affrontare questo problema contestualmente alla trasformazione delle citta’ a misura di trasporto pubblico”.