Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sottoponte, la palestra abbandonata di via Porro tornerà al quartiere entro il 2021

Grazie all'accordo siglato tra Comune di Genova, Hitachi Sts e Rfi

Genova. Oggi è un parallelepipedo di cemento in rovina, in una strada che per via dei cantieri del nuovo ponte ha cambiato quasi del tutto i suoi connotati, ma presto la palestra di via Porro tornerà a essere un punto di riferimento per il territorio in base a un accordo siglato tra Comune di Genova, Hitachi Sts (ex Ansaldo Sts) e Rfi. Lo schema di protocollo è stato approvato solo recentemente da una delibera della giunta Bucci e prevede che le ferrovie cedano per 9 anni in comodato d’uso l’edificio di loro proprietà all’amministrazione pubblica.

Prima però, a sue spese, Rfi dovrà attuare alcuni interventi di risanamento e di messa a norma dell’edificio che, spiegano da ferrovie, inizieranno a breve e saranno portati a termine entro la fine del 2020. Hitachi Sts contribuirà con 40 mila euro nel secondo semestre del 2020 e a termine lavori di cui altri 10 mila euro nel 2021. Il Comune di Genova contribuirà con risorse finanziarie proprie .

La palestra di via Porro, che in futuro rientrerà nell’ambito del grande disegno del “cerchio rosso” per il Sottoponte ideato dall’architetto Boeri diverrà un polo di aggregazione sociale. “Una delle idee è di mantenerla proprio come palestra – spiega l’assessore alle Politiche sociali Francesca Fassio – ma di fatto sarà uno spazio polivalente le cui caratteristiche saranno discusse e definite anche con gli stessi cittadini”.

Un protocollo simile, nell’ambito della progettazione denominata “Oltre il ponte…” per risarcire i quartieri colpiti dal crollo del Morandi, è stato siglato nei mesi scorsi anche con Compagnia di San Paolo, che ha finanziato molte iniziative socioculturali, e con la Fondazione Costa Crociere, che pagherà la realizzazione di una “casa di quartiere”. Anche in questo caso si tratta di aziende che a Genova hanno ruoli di primo piano, Hitachi ha realizzato i convogli della metropolitana di Genova e in futuro potrebbe essere tra i protagonisti della linea leggera in Val Bisagno. Rfi è il soggetto principale del potenziamento della rete su ferro, dal nodo di Genova – per cui si attende la ripartenza dei lavori – al terzo valico ferroviario.