Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sestri Levante straripante, Busalla travolto e primato confermato risultati

Manita dei Corsari ad un Busalla irriconoscibile. Il Molassana vince e torna a sperare

Nella 18^ giornata del campionato di Eccellenza il Sestri Levante offre una dimostrazione di forza contro il Busalla e si conferma al primo posto. I rossoblù annichiliscono una delle squadre con il miglior gioco, ma che spesso si è dimostrata poco cinica. Il gol del vantaggio, già al 2° è fortunoso con un tiro di Cirrincione che viene rimpallato dalla schiena di Cuneo che manda fuori giri Roi, colpisce la traversa ed entra.

La reazione del Busalla sta tutta in un paio di conclusioni che escono e al 17° arriva il raddoppio di Panepinto che mette in crisi le sicurezze dei valligiani che subiscono poco dopo, al 25° anche il tris con Pane. Rimonta che sembra lungi da venire e infatti nel secondo tempo dopo circa 5’ arriva il gol di Parodi che cala il poker. La gara prosegue senza grandi emozioni anche perché i busallesi sembrano avere “accettato” la sconfitta e Pane trova un’insperata doppietta che chiude definitivamente i conti. Piccola soddisfazione nel finale per Roi che para un calcio di rigore a Capo ed evita un tracollo peggiore.

Big match di giornata, però era quello fra Imperia ed Albenga, ovvero le due dirette inseguitrici del Sestri. I bianconeri hanno il merito di trovare un gran gol su punizione con l’ex della partita, Costantini che pennella un tiro sul quale Trucco non può fare niente. La gioia degli ospiti dura appena cinque minuti, però perché dopo un parapiglia nell’area bianconera arriva il gol di Capra che risolve la mischia e pareggia. La gara poi sembra stabilizzarsi sul risultato di parità, con le squadre che si affrontano a metà campo, finché al 90° Sassari va via al diretto avversario e pesca Carletti in area che non sbaglia anticipando Bambino e risolve una partita fondamentale per i nerazzurri. Albenga che paga a caro prezzo la disattenzione difensiva e il primo posto ora è a 4 punti.

Vittoria pesante per la Molassana che si impone in casa all’inglese sulla Genova Calcio che non riesce a dare più continuità ai propri risultati ed ora deve anche guardarsi alle spalle. Una rete per tempo consentono ai rossoazzurri di abbandonare il fondo della classifica. Apre le danze Galleri al 44°, la chiude De Persiis al 70°.

Sempre in chiave salvezza arriva il ko esterno per il Finale, sconfitto nettamente a Cairo Montenotte dai gialloblù che salgono al quinto posto, mentre i finalesi vengono avvicinati proprio dal Molassana ora a due punti. Equilibrio che si spezza al 15° quando Piana lascia partire una conclusione dai 20 metri che si infila fra palo e portiere. Raddoppio che arriva ancora dalla distanza con Di Martino che alla mezzora preferisce un tiro a giro che si infila sul palo lontano. Cairese che la chiude nel secondo tempo quando Facello scambia con un compagno al limite e la piazza per il tris che rappresenta il triplice fischio virtuale.

Un punto per il Pietra che si ritrova all’ultimo posto nonostante i bianco azzurri siano tornati in attivo dopo 4 gare. A Rapallo i ruentini si giocavano una bella fetta di salvezza diretta con la possibilità di fare un bel passo in avanti, ma sono gli ospiti a trovare il gol con Canu all’8°. I ponentini non riescono a chiuderla e al 50° Chiappe ristabilisce la parità che dura, però solo 10’ visto che Rovere sfrutta uno svarione difensivo rapallese e riporta avanti il Pietra. Merito al Rapallo di non disunirsi e di andare ancora a segno con Bertuccelli che al 65° trova il definitivo 2-2.

Parità anche fra Campomorone Sant’Olcese e Baiardo, ovvero due squadre che puntano soprattutto a sistemarsi in zone di classifica tranquille per poi togliersi qualche soddisfazione. Apre Oliviero che imbeccato da Provenzano va a segno al 55°. Pareggio di Gandolfo che di testa ristabilisce l’equilibrio a 20’ dalla fine. Un pareggio giusto anche se i neroverdi si sono proposti maggiormente in fase offensiva e reclamano per un paio di episodi dubbi in area di rigore.

Finisce anzitempo Athletic Liberi – Alassio a causa di un infortunio dell’arbitro, il signor Mirabella di Acireale che deve abbandonare il terreno di gioco al 62°. Il parziale vedeva l’Alassio avanti dopo che Bertora aveva trovato il gol del momentaneo vantaggio genovese. Un rigore di Carro e la “zampata” di Lupo avevano, però ribaltato subito il parziale. Gara che dovrà concludersi anche perché ci sono in palio punti pesanti per la salvezza.

Valgono molto anche i tre punti conquistati dall’Ospedaletti sul campo del Rivasamba. Nel “derby cromatico” fra le due arancionere la partita si decide nel finale dopo un primo tempo molto tirato ed equilibrato. Subito a rete Burdisso su calcio di rigore, ma al quarto d’ora pareggia De Filippi. Passano altri cinque minuti e Allaria riporta in vantaggio gli imperiesi. Al 41° nuovo pareggio, di Biancato stavolta che manda le squadre al riposo sul 2-2. Nel finale arriva un calcio di rigore trasformato da Sturaro che decide la gara all’80°. Nel recupero il Rivasamba perde Martinelli che riceve il secondo giallo.