Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

CDM Futsal Genova, non riesce la missione impossibile: Pesaro vince 5 a 0 risultati

I biancoblù reggono sul pari per oltre 15 minuti, ma con due reti nel primo tempo e tre nel secondo i campioni d'Italia impongono la loro legge

Pesaro. Comincia il girone di ritorno del massimo campionato italiano di calcio a 5. Secondo quanto emerso dalla prima metà del torneo, sono sette le squadre che dovranno lottare per non retrocedere; attualmente sono racchiuse in 9 punti, dai 16 della Colormax Pescara ai 7 della Cybertel Aniene.

Quattro di esse saranno condannate alla retrocessione: tre in maniera diretta, una dopo lo spareggio che vedrà di fronte quartultima e quintultima. Saranno determinanti gli scontri diretti, visto che per tutte le pericolanti sarà dura strappare punti alle formazioni che occupano le prime nove posizioni in classifica.

Particolarmente difficile sarà affrontare in trasferta l’Italservice Pesaro, capolista e campione in carica. Un compito proibitivo che spetta questa sera alla CDM Futsal Genova. All’andata, a Varazze, i marchigiani si imposero per 2-6.

La cronaca. Fulvio Colini può contare sui portieri Miarelli, Dionisi, Guennounna e sugli uomini di movimento Carducci, Toninandel, Fortini, Salas, Honorio, Borruto, Canal, De Oliveira, Marcelinho, Borea, Jefferson.

Michele Lombardo ha a disposizione il portiere Lo Conte e gli uomini di movimento A. Lombardo, Foti, Joao Vitor, Pizzo, Piccarreta, Manca, Pizetta, Chessa, Luft, Mignemi, Rivera.

Arbitrano Riccardo Davì (Bologna) e Daniel Borgo (Schio), al cronometraggio Stefano Mestieri (Finale Emilia).

Locali in maglia a strisce verticali biancorosse, calzoncini e calzettoni bianchi; liguri in maglia gialla, calzoncini e calzettoni blu.

Quintetti iniziali: Guennounna, Toninandel, Salas, Canal, Marcelinho per i locali; Lo Conte, Foti, Joao Vitor, Pizzo, Pizetta per gli ospiti.

Dopo pochi secondi di gioco, sugli sviluppi di un angolo, Canal colpisce il palo.

Il nuovo arrivato “Jonas” Joao Vitor si fa subito notare chiamando Guennounna alla parata.

I pesaresi sfruttano fin dall’inizio la panchina più lunga, con quattordici elementi di alto livello nonostante alcune assenze. In avvio di gara, comunque, anche la CDM si fa vedere in fase offensiva.

L’Italservice colpisce quattro pali nei primi minuti di gioco; l’ultimo della serie con De Oliveira.

Il primo fallo della partita è ai danni di Jefferson al 7°; la seguente punizione calciata dallo stesso Jefferson è respinta da Foti a portiere battuto.

Tanto gioco effettivo; i marchigiani cercano lo spazio giusto per colpire ma la CDM si mostra attenta, oltre che un poco fortunata, in difesa.

All’8° Honorio va sul fondo, crossa alla ricerca di De Oliveira, Luft si rifugia in angolo. Sugli sviluppi la retroguardia genovese respinge più volte come può. Resiste lo 0 a 0.

Al 9° Foti salva su Borruto in piena area. Poco dopo Honorio mette in mezzo, De Oliveira non ci arriva per un soffio.

Entra Piccarreta. Al 10° palla da Honorio a Canal, tiro a giro: sul fondo. Colini rimanda in campo Salas e Toninandel: il forcing biancorosso è insistente, ma la CDM stringe i denti.

Al 12° conclude Salas: alto. Angolo, va al tiro Marcelinho: risponde Lo Conte.

Al 13° palla da sinistra di Canal per Toninandel: tiro, sopra la traversa. Regge la CDM, formazione dall’età media molto giovane, contro i campioni d’Italia: 0 a 0.

Fallo di ostruzione di Jonas; è il secondo. Il pubblico inizia a farsi sentire, incitando il Pesaro.

Al 15° palla da Marcelinho a Borruto che si sposta la palla con gran rapidità e calcia: Lo Conte respinge a mani aperte.

Foti commette fallo su Borruto. Punizione da posizione pericolosa: Marcelinho la tocca sulla sinistra a Borruto che mette in rete. Dopo 15’20” Italservice in vantaggio 1-0.

La CDM comprensibilmente accusa il colpo; passano 17″ e Borruto si ripete: 2 a 0.

Al 18° conclude Jefferson; respinge Lo Conte. Poi palla da Jefferson a Borruto, tocco morbido: Lo Conte è attento.

Il computo dei falli è sul tre a tre. Ma ormai la prima frazione si avvia al termine. La CDM chiude in attacco, ma il gol non arriva.

A metà partita l’Italservice Pesaro conduce 2 a 0.

Alle 21,15 inizia il secondo tempo. Locali in campo con Guennounna, Salas, Honorio, Borruto, Canal; ospiti con Lo Conte, A. Lombardo, Joao Vitor, Pizzo, Pizetta.

Dopo pochi secondi un gran tiro di Lombardo è respinto da Honorio. Al 3° Lo Conte è bravo a rispondere ad un tiro di Borruto.

Jonas chiama Guennounna alla parata; Canal impegna Lo Conte. Partita sempre ricca di occasioni.

Entra Foti per Lombardo. Calcio a rete Pizzo; para Guennounna. Cambio di fronte e Canal impegna ancora Lo Conte.

Ripartenza dei genovesi, Jefferson stende Jonas: ammonito.

Conclude Marcelinho; serata di straordinari per Lo Conte che, alla sua prima partita da titolare, della stagione effettua un’altra bella parata.

Trenta minuti di gioco, risultato ancora sul 2 a 0.

A 8’32” dalla fine Colini chiama time-out.

Palla da Honorio a Canal, destro sul primo palo e palla in rete: a 12’48” risultato sul 3 a 0.

Ancora Pesaro: Borruto, con una splendida conclusione frutto di coordinazione e potenza, non lascia scampo a Lo Conte. Dopo 13’25” l’Italservice conduce 4-0.

Quarto fallo dei pesaresi. Jonas prova il mancino: a lato. De Oliveira serve Toninandel: tiro, leggermente deviato, a lato. Conclusione di Carducci, Jonas devia: sul fondo.

A 4’34” dalla sirena Michele Lombardo chiama a raccolta i suoi. Entra Luft nel ruolo di portiere di movimento.

Ripartenza locale, palla da De Oliveira al centro per Marcelinho che non si fa pregare e calcia in rete: 5 a 0 a 17’37”.

C’è ancora tempo per una parata di Lo Conte che nega a Carducci il primo gol in Serie A ed un bell’intervento del portiere ligure su De Oliveira.

Alle 21,53 suona la sirena. Finisce 5 a 0 per l’Italservice Pesaro. In classifica al momento i biancoblù restano in dodicesima posizione con 11 punti.

La CDM Futsal Genova tornerà in campo venerdì 20 gennaio alle ore 21 a Varazze, per affrontare la Signor Prestito CMB.