Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria, in arrivo il giovane norvegese Kristoffer Askildsen

È un Thorsby in erba, spilungone e norvegese come lui, stesso ruolo e duttilità, un altro guerriero vichingo, che potrebbe sostituire Vieira, richiesto dal West Ham

Genova. Tutti vogliono Caprari (nella foto). Addirittura sembra essersi aggiunta la Roma, a Fiorentina e Parma, ma tutto lascia supporre che sarà Sassuolo la destinazione dell’ex Pescara, a meno che De Zerbi non ci ripensi dopo averlo visto, ieri, da avversario.

Buttato in campo al posto di un Gastón Ramírez senza i novanta minuti nelle gambe, nulla ha dato in più per dare una svolta ad una partita che la Samp ha giocato in superiorità numerica per trequarti del match, senza mostrare (a parte che nella parte finale, quando l’arbitro ha sorvolato su una clamorosa tirata di maglia, a Gabbiadini, in area) quel po’ di coraggio che avrebbe potuto consentire di dare una svolta alla lotta per non retrocedere, approfittando dei passi falsi di tre avversarie su quattro.

Ma Ranieri ha preferito continuare col canovaccio preparato in settimana, scegliendo “un uovo oggi”, piuttosto che rischiare di vedere la gallina volare via e restare con un pugno di mosche in mano. Pericolo che si è corso ugualmente, quando Boga ha preso l’interno del palo, con la palla che è sfilata alle spalle di Audero, tuffatosi in ritardo.

Squadra col freno a mano tirato, ma anche con tanti giocatori sotto tono, al punto che l’ampia sufficienza la hanno meritata solo Linetty (classe e corsa), Colley (una roccia) e Thorsby (dove lo metti, gioca bene).

Merita il “sei politico” anche Ranieri, che ha ritenuto opportuno cautelarsi nel momento degli altri due cambi, preferendo un fresco Regini ad un Tonelli che cominciava a sentire il peso della lunga assenza dal campo ed un centrocampista di rottura (Vieira) che gli consentisse di arretrare Thorsby al posto dell’ammonito Bereszyński, a marcare il “pericolo numero uno” neroverde, Jeremie Boga.

Il mister comunque ne ha viste tante e se ha intrapreso la strada della prudenza, bisogna fidarsi della sua consolidata esperienza, sperando che possa portare al sospirato traguardo finale, la salvezza… perché altro non importa.

Dal mercato, poi, non bisogna aspettarsi più di tanto. Forse un altro difensore centrale (Federico Ceccherini, ad esempio, se la Fiorentina opterà di sostituirlo con lo spallino Igor) e magari un sostituto di Caprari, chissà se con caratteristiche tutto sommato simili (Amin Younes o Iago Falque), oppure più strutturato. Probabilmente, invece, Ranieri continuerà a “fare i pranzi di nozze con i fichi secchi” (leggi salvarsi col materiale di giocatori a disposizione) e gli uomini di mercato porteranno a Bogliasco solo qualche giovane di belle speranze, vedi Kristoffer Askildsen, un altro Thorsby in erba, spilungone e norvegese come lui, stesso ruolo e duttilità, un guerriero vichingo, che ha nella potenza fisica il principale punto di forza. Un 2001 che ha già debuttato nella Eliteserien e che intanto potrebbe andare a farsi le ossa nella Primavera di mister Cottafava, dove potrebbero raggiungerlo, dalla Juventus, anche Erik Gerbi, Matteo Stoppa e Nicolò Francofonte, che – nei giorni scorsi – i media hanno ipotizzato come contropartita ad un possibile passaggio di Giacomo Vrioni all’Under 23 bianconera.

Intanto nel quartiere londinese di Stratford corre voce di un forte interessamento del West Ham per Ronaldo Vieira… plusvalenza in vista!