Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Rari Nantes Camogli, Temellini: “Lavoriamo sui nostri difetti e ce la potremo giocare con chiunque” risultati

Le parole del tecnico al termine della partita col San Donato Metanopoli

Camogli. La Rari Nantes Camogli ed il San Donato Sport Metanopoli si sono presentate allo scontro diretto entrambe a punteggio pieno. Dalla Giuva Baldini sono usciti vincitori gli ospiti col risultato di 12-15. I bianconeri, tuttavia, hanno dimostrato di essere all’altezza di una squadra che pare destinata ad una cavalcata trionfale verso la Serie A1.

Rari Nantes Camogli

La squadra ha lottato su ogni pallone. “Da questo punto di vista sono soddisfatto – dichiara l’allenatore Angelo Temellini -. Dobbiamo crescere nelle cose che a loro definisco piccole, ma che in realtà sono enormi: coprire gli angoli corti in maniera migliore e tanti altri piccoli particolari che sono fondamentali nella pallanuoto. Cresciamo da quel punto di vista e crescerà la nostra consapevolezza di poter giocare contro chiunque, a tutti i livelli“.

L’ultimo tempo è stato molto complicato, perché la formazione bianconera era decimata dalle espulsioni, con cinque giocatori usciti per raggiunto limite di falli. “Ho dovuto mettere in acqua anche il secondo portiere gli ultimi trenta secondi perché non avevamo più cambi – spiega il tecnico -. Succede, è stata una partita maschia, con un sacco di espulsioni. Forse c’erano situazioni da entrambe le parti, però gli arbitri hanno visto così, prendiamo quello che arriva. Dobbiamo imparare anche ad adeguarci ai fischi arbitrali“.

Ci sono tre reti di differenza tra le due squadre? “Oggi il risultato dice questo, quindi dobbiamo esserne consapevoli. Se prendiamo questo come un punto di partenza e lavoriamo sui nostri difetti credo che questi gol si possano ridurre notevolmente – dice Temellini -. È stata una partita, come le altre. Adesso noi andiamo giovedì a Bogliasco contro lo Sturla, dove sarà una partita altrettanto difficile: mi aspetto uno Sturla veramente agguerrito. I ragazzi devono continuare a lavorare come stanno facendo; io e i ragazzi sappiamo bene che il percorso è ancora lungo, continuiamo nella nostra strada. Non è questa partita a cambiare il nostro tragitto e il nostro obiettivo, sia che vincessimo sia che perdessimo”.