Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Primo giorno di saldi a Genova, Confesercenti: “Tanta gente ma pochi affari”

Secondo l'associazione di categoria le vendite sono state quelle di un normale sabato. "Troppo vicini al Natale"

Più informazioni su

Genova. Tanta gente in centro, a Genova, per il primo giorno di saldi invernali 2020, ma vendite non soddisfacenti: è questo il primissimo bilancio tracciato da Confesercenti, a negozi ancora aperti.

«Abbiamo lavorato come in un normale sabato dell’anno dal segno positivo, certo, ma niente di paragonabile all’inizio dei saldi di qualche anno fa. D’altra parte, cadendo la data in concomitanza con l’inizio del ponte dell’Epifania, era logico aspettarsi un afflusso modesto, perché molti ne hanno approfittato per andare a sciare o, comunque, per trascorrere qualche giorno fuori città. Possiamo dire che i nostri principali clienti, oggi e verosimilmente per tutto il weekend, saranno soprattutto i turisti», commenta Francesca Recine, presidente di Fismo Confesercenti Genova.

«Che l’inzio saldi sia troppo anticipato, ormai, è un problema che noi commercianti denunciamo da tempo – prosegue Recine -. Quest’anno, poi, sarebbe stato ancora più logico posticipare il via di almeno una settimana, per scongiurare la concomitanza con un ponte festivo: non ci resta quindi che confidare in un recupero durante la settimana e nel prossimo weekend, quando molti genovesi saranno rientrati dalle ferie».

Intanto, però, è possibile una prima indicazione dei prodotti più ricercati: capispalla, abbigliamento di stagione e, naturalmente, scarpe. Proprio le calzature sono, tradizionalmente, tra gli acquisti più gettonati durante i saldi e quest’anno, secondo l’indagine Confesercenti Swg diffusa nei giorni scorsi, saranno richieste da un italiano su due, considerato, naturalmente, quanti prevedono di approfittare delle vendite ribassate. Secondo la stessa indagine, ci si aspetta una spesa media di 168 euro a persona, anche se la maggior parte acquisterà per meno di 100 euro, il 47% spenderà tra i 100 ed i 300 euro e il 10% ha previsto una spesa addirittura superiore ai 300 euro.