Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’Apparizione rallenta, il Pieve non ne approfitta. Atletico Genova spumeggiante risultati

Pareggiano le prime due della classe, caos fra Bavari e Lido Square.

Sa di occasione sprecata la 16^ giornata di campionato di Seconda categoria Girone C per il Pieve Ligure che non riesce ad approfittare del rallentamento dell’Apparizione per riavvicinarsi. I rossoblù si fermano sull’1-1 contro un Vecchio Castagna deciso a svolgere un ruolo da protagonista in quel che resta nella stagione. I gialloblù trovano il gol al 18° quando Pestarino viene pescato dentro l’area e infila Imperato con un preciso tiro angolato. 

Poco dopo i locali sfiorano il raddoppio con Miggiano che ci prova dal limite, palla che si stampa sulla traversa. Il pareggio del Pieve arriva alla prima, vera azione offensiva con un colpo di testa di Saracco su calcio d’angolo. Nella ripresa la gara prosegue sull’equilibrio e sostanzialmente non cambia molto. Al triplice fischio il pareggio è giusto, ma il Pieve si rammarica per quanto accaduto fra Voltri87 e Apparizione.

I biancoblù obbligano al pareggio la capolista che parte forte e passa al 19° con una punizione chirurgica di Nicolò Zanardi. Al 32°, però Fedri regala un cioccolatino in area a Bianchi che da due passi non può sbagliare e firma l’1-1. Nella ripresa si rivede Bojang che al 65° si beve il portiere e riporta avanti l’Apparizione che, all’85° resta in dieci per il secondo giallo a Bonica. Il pari arriva su tiro da fermo. Punizione di Rizza che colpisce il palo interno e si insacca. Sembra finita così, ma c’è tempo per l’ultima emozione. Al 94° nella mischia dell’area del Voltri l’arbitro vede un tocco di mano e assegna un rigore che, però Faraò calcia a lato facendo sfumare la possibile vittoria della capolista.

Vola l’Atletico Genova che travolge il Davagna e aggancia il secondo posto. I rossoblù vanno subito avanti con Bocchiardi al 10°. Al 27° raddoppia gettati che manda le squadre al riposo il 2-0. La reazione biancorossa non arriva ed anzi al 50° arriva la doppietta di Bocchiardi che mette la parola fine alle speranze ospiti. La gara si trascina poi fino alla sua fase discendente quando Ieraci all’85° trova il poker e poco dopo Greco, entrato a gara in corsa piazza la manita. Solo per la bandiera il gol di Nicosia che rende poco meno amaro il punteggio per i valligiani.

Un solo gol invece per il Borgo Incrociati basta per superare il Begato e mettere punti preziosi fra sé e la zona bassa, potendo anzi sognare i playoff. La rete decisiva arriva al 7° con Prestanizzi che calcia dal limite, palla deviata da un difensore che manda a vuoti il portiere Olguin. All’85° tuttavia gli ospiti hanno la possibilità di pareggiare con un rigore di cui si incarica Mascia. Tiro che viene intuito da Olguin che vola e salva i suoi diventando l’eroe di giornata.

Vittoria fondamentale anche per il Ravecca che si schioda dall’ultimo posto solitario superando il Cornigliano. I biancoblù trovano il gol già al 12° con Cazzola. Il gol della sicurezza arriva solo all’85° con la punizione di Neira che fissa il punteggio.

Succede di tutto fra Bavari e Lido Square con la gara che si conclude al 92° ovvero due minuti prima rispetto al recupero dato dall’arbitro. Lido che ipoteca la vittoria in avvio di secondo tempo, dopo una prima frazione povera di avvenimenti. A rompere l’equilibrio una punizione di Rossi, poi la doppietta di Ndiaye in cinque minuti fra il 60° ed il 65°. In pieno recupero Luciani e Priano ridanno speranza al Bavari che ritorna clamorosamente in gioco. Da qui saltano i nervi si arriva muso a muso e ne fanno le spese Laguzzi, Ndiaye, Pozzati e Leone. Dirigenti del Bavari che accusano gli avversari di avere colpito al volto mister Napoli. Da capire cosa succederà ora con la decisione del giudice sportivo.

Vittoria per il Montoggio nel derby di Crocefieschi. Blucelesti che non riescono più a fare punti ed anzi vedono sempre più lontana la salvezza. I gol arrivano tutti nel secondo tempo. Al 65° Delucchi sblocca il parziale. Dieci minuti dopo Anas Sabri raddoppia. Poi Cagnina e Sbardellati non se le mandano a dire e finiscono sotto la doccia anticipatamente. Al 90° ancora Sabri con la doppiettta chiude definitivamente la contesa.