Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Sestrese ingrana la settima e torna a puntare la vetta risultati

Crollano Varazze e Taggia e i verdestellati salgono al secondo posto. Rimonta clamorosa della Praese

Turno importante in Promozione Girone A con il trio di testa che si ricompatta alla luce di due passaggi a vuoto di Varazze e Taggia che consentono al Sestri di tornare al secondo posto con un solo punto in meno rispetto ai giallorossi. I verdestellati “passeggiano” sulla Loanesi già sostanzialmente retrocessa. Partita chiusa nel primo tempo con Bazzurro che apre le danze all’11°, poi Anselmo firma il raddoppio e Akkari mette i titoli di coda con la doppietta personale. 0-4 che sembra già largo come parziale, ma Anselmo non ha pietà e firma una tripletta (ovvero 4 reti totali) che consentono all’attaccante genovese di comandare la classifica cannonieri proprio con il compagno Akkari entrambi a segno 16 volte finora.

Clamoroso ko invece del Taggia che viene travolta in casa dalla Veloce che mette in cascina tre punti molto pesanti e per certi versi inaspettato. Partono forti i granata che vanno subito in gol con Giusto al 3°. Poi sale in cattedra Colombino che firma due reti che mandano le squadre al riposo sullo 0-3. Il Taggia prova a riaprirla al 72° con Gambacorta, ma tre minuti dopo Colombino cala la tripletta che gli vale il pallone del match. Nel caos in casa Taggia arriva anche il quinto gol, firmato Fanelli che chiude definitivamente la contesa.

Ko anche per il Varazze che viene sconfitto a Serra Riccò che si conferma al quarto posto. Il vantaggio gialloblù arriva dal dischetto dopo che Draghici era stato messo a terra in area di rigore. Dagli undici metri Lobascio non sbaglia e firma il gol. Il raddoppio giunge in avvio di ripresa con Re che ribadisce in rete un pallone che era finito sul palo dopo il tiro di Lobascio. Al 60° il Varazze sfiora il gol con Craviotto che colpisce la traversa. La rimonta non si concretizza e nel finale gli animi si scaldano. Ne fanno le spese Garré e Craviotto che lasciano le squadre in dieci contro dieci.

Un gol su rigore di Costa consente al Via dell’Acciaio di imporsi sulla Dianese. I blugranata restano così in zona playoff accorciando sulle prime e alimentando la possibilità che gli spareggi si svolgano nella loro interezza, anche se il Varazze è ancora distante 10 punti.

Gara scoppiettante fra Praese e Ventimiglia. Biancoverdi senza pensieri e vogliosi di fare bene per archiviare in fretta il discorso salvezza; frontalieri che invece devono evitare problemi o sorprese. Ospiti che, però partono male quando al 12° Ventre si guadagna un calcio di rigore. Lo stesso numero 10 si incarica della battuta, ma il suo tiro sbatte sul palo. Graziata, la Praese reagisce e va a segno con una grande azione di Morando che salta anche il portiere Scognamiglio e deposita in fondo al sacco.

La risposta del Ventimiglia, però arriva subito e due minuti dopo un tiro teso di Salzone sorprende Cannavò. Il primo tempo, però non è finito e i granata riescono a ribaltare tutto al 33° quando Scappatura devia in modo vincente sul secondo palo sfruttando una disattenzione della difesa genovese.

Nel secondo tempo la gara si gioca molto a metà campo, la Praese attacca timidamente, Ventimiglia punta al contropiede e al 70° va vicino al tris con Scappatura che calcia da media distanza, palla sul palo, poi il neo entrato Rea sparacchia alto. Poco male perché al 74° lo stesso Scappatura si esibisce una semirovesciata su corner e firma l’allungo del Ventimiglia. Si arriva al 90° gara ampiamente nelle mani del Ventimiglia ed è qui che accade l’impensabile.

Allo scoccare del 90° Morando inventa un calcio di punizione che riapre i giochi. Passano due minuti e Forte viene messo giù in area. Rigore che ancora Morando trasforma e fa 3-3. Ventimiglia che va in confusione, e al 96° Di Molfetta lascia partire il tiro che batte per la quarta volta Scognamiglio. La Praese esplode di gioia e vince una gara incredibile.

Risultati molto importanti in coda con il Legino che supera il Bragno per 2-0 e si rilancia verso la salvezza diretta. I savonesi restano in dieci dopo appena 12’ per il rosso a Balbi, ma al 18° sono in vantaggio su rigore firmato da Tobia. La punta verdeblù mette al sicuro il risultato al 75° con il raddoppio.

Fondamentale anche la vittoria del Celle che si impone sul Camporosso nello scontro diretto in coda. Cellesi avanti al 35° con Altamore. Nel secondo tempo Sofia e Raiola completano l’opera. Celle che va a +5 sullo stesso Camporosso e avvicinano la sona salvezza. Allungo anche del Ceriale che con la vittoria sull’Arenzano resta a +4 sulla zona playout e trova sia punti che autostima. Un gol per tempo, di Antonelli al 7° e Insolito al 71° regolano un Arenzano poco lucido negli ultimi venti metri.