Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Cus Genova Rugby ritrova il successo, ancora contro I Centurioni risultati

Biancorossi in corsa per la permanenza nella categoria

Più informazioni su

Genova. Era dal 28 ottobre, nella partita del Carlini proprio contro I Centurioni, che il Cus Genova non assaporava il sapore della vittoria. Domenica scorsa, un girone dopo, è arrivato il secondo successo in campionato. All’andata i punti conquistati in classifica furono quattro, mentre questa volta sono stati addirittura cinque.

I Centurioni fanno sin da subito la voce grossa. Dopo un errore su calcio d’inizio rossoblù, Scanferla e compagni si risvegliano, costringendo gli ospiti ad un tenuto a terra, nella loro metà campo. Sulla ripresa, una manovra corale gestita con ordine da Gazzoli ed orchestrata dagli avanti rossoblù si conclude con la corsa di Savardi, vicecapitano di giornata, oltre la linea di meta genovese. Aru trasforma con precisione per il 7-0 temporaneo.

Sulla ripresa, Genova riporta il baricentro nei ventidue metri bresciani e sfrutta un fallo rossoblù. Al 6’, l’estremo Mandivenga non trova i pali dalla piazzola, lasciando invariato il punteggio. Sui minuti successivi, Genova si rende pericolosa in un paio di occasioni, pressando nei dieci metri rossoblù, ma il quindici allenato da Geddo respinge entrambe le folate con decisione. Poco prima del quarto d’ora l’arbitro sanziona la mischia bresciana con un calcio di punizione sui cinque metri rossoblù. Gli ospiti giocano velocemente e colgono di sorpresa la difesa bresciana che subisce la segnatura del numero 8 Giacomo Bertirotti, man of the match. L’estremo ligure trasforma con precisione per il pareggio per 7-7.

La mischia, secondo la direzione di gara, è a totale appannaggio degli ospiti che, al 22°, colgono il terzo calcio di punizione in loro favore. La touche che ne scaturisce viene prima disturbata dalla seconda linea Cilo e poi annullata a causa di un lancio storto genovese.

Si riprende con l’ovale per I Centurioni che vanificano una buona incursione. Al 29° Aru potrebbe portare in vantaggio i suoi da calcio piazzato, ma non trova la precisione nel calcio. Se la rimessa laterale è un’arma rossoblù, la mischia resta in favore dei genovesi che macinano calci di punizione in loro favore. Sulla riconquista dell’ovale, prima Bandera semina il panico tra la difesa ospite, poi una touche rossoblù sui cinque metri ospiti innesca una rolling maul che, grazie all’esperienza di capitan Scanferla, termina oltre la linea di meta genovese. Aru è preciso e I Centurioni vanno in vantaggio per 14-7, ma non è finita.

Nell’ultima azione del match, Genova sfrutta la seconda disattenzione bresciana e, così come nella prima meta, sfonda oltre la linea rossoblù con la seconda linea Pietro Imperiale. L’estremo ligure centra i pali per il 14-14 con cui si va al riposo.

Nella ripresa, la mischia ospite detta ancora legge. All’8° il pack genovese viene premiato ad un ulteriore calcio di punizione sui cinque metri rossoblù. Gli universitari insistono e costringono i padroni di casa al fallo. Aloè viene sanzionato con un cartellino giallo, lasciando i suoi in inferiorità numerica a disputare la quarta mischia ripetuta nella zona rossa di Scanferla e compagni. La pressione porta l’arbitro ad assegnare una meta di punizione in favore degli ospiti che salgono così nel punteggio sul 21-14.

I Centurioni affrontano un periodo di confusione: prima sbagliano una copertura difensiva su un’apertura dell’ovale, poi perdono una touche in loro favore, fino a quel momento infallibile. Un momento negativo che I Centurioni trasformano con una fiammata innescata da Gazzoli, sviluppata da una cavalcata di Zaboni e finalizzata, dopo uno stop, dalla corsa implacabile di Mokom. Aru trasforma per il nuovo pareggio per 21-21.

Sulla ripresa, ancora una tegola per I Centurioni: Florio è costretto ad uscire per un infortunio alla spalla occorso cadendo a terra al termine di un’ottima percussione. Il gioco riprende dopo alcuni minuti di stop e alla mezz’ora I Centurioni guadagnano il loro primo calcio di punizione da mischia chiusa. La fase di conquista si stabilizza, ma, ancora per una leggerezza rossoblù, ossia un calcio di liberazione dalla propria area di meta stoppato, Bertirotti va in meta per il 26-21. Dopo un giro di lancetta, l’estremo genovese potrebbe allungare ancora da calcio di punizione, ma il punteggio rimane invariato. I Centurioni tentano il tutto per tutto nell’ultimo giro di lancetta, ma l’azione sfuma al raggiungimento della metà campo avversaria.

I 5 punti conquistati in classifica permettono ai genovesi di scavalcare in classifica l’Amatori Alghero, che sarà avversario proprio al Carlini domenica 9 febbraio. Questa domenica invece i biancorossi saranno impegnati a Grugliasco, nel recupero della sfida contro il Cus Torino, che sarà un ottimo banco di prova per confermare i progressi mostrati in questo periodo e arrivare al meglio allo scontro diretto contro i sardi.

I ritorni di Salerno e Garaventa, oltre all’arrivo dello scozzese Robbie Chalmers, hanno inoltre donato nuovo entusiasmo alla squadra che è pronta a dare battaglia ogni domenica per conquistare la tanto agognata salvezza.

Il tabellino:
I Centurioni Lumezzane – Cus Genova Rugby 21-26 (p.t. 14-14) (punti 1-5)
I Centurioni Lumezzane: Bandera; Secchi Villa (1° st Mokom), Azzini, Savardi (23° st Gelmini), Zaboni; Aru, Gazzoli; Nicoli, Scanferla, Bertussi (25° st Boschetti), Cilo (38° st Pasotti), Daniel; Trevisani (28° pt Florio; 25° st Trevisani), Hliwa (15° st Zoli), Aloè. A disposizione: Cosio. All. Geddo.
Cus Genova Rugby: Mandivenga; Pressenda, Chalmers, Gambelli, Migliorini; Salerno, Mozzi (1° st Garaventa); Bertirotti, Pendola, Imperiale F., Imperiale P. (28° st Giacobbe), Porcile; Barry (32° st Rifi), Felici, Bortoletto (35° st Giuliano). A disposizione: Barioglio, Gherardi, Vimercati, Davitti. All. Sandri.
Arbitro: Bottino (Roma).
Marcatori: p.t. 4° m Savardi tr Aru (7-0), 14° m Bertirotti tr Mandivenga (7-7), 36° m Scanferla tr Aru (14-7), 39° m Imperiale P. tr Mandivenga (14-14); s.t. 13° meta di punizione Cus Genova (14-21), 21° m Mokom tr Aru (21-21); 38° m Bertirotti (21-26).
Cartellini gialli: s.t. 10° Aloè (L).
Calciatori: Aru (L) 3/4; Mandivenga (G) 2/5.