Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Comune accelera sulla pista ciclabile ma i monopattini elettrici restano un’incognita

Campora: "Entro l'anno possibile avvio dei lavori per il tratto Boccadasse-Fiumara"

Genova. “Se siamo bravi potremmo iniziare a fare i lavori della pista ciclabile già quest’anno. Questo è un obiettivo molto sfidante ma è alla nostra portata”. A dirlo è l’assessore alla mobilità e all’ambiente del Comune di Genova, Matteo Campora, a margine della presentazione dell’hub di ricarica elettrica che Duferco ha realizzato nella zona della stazione Principe.

“Quella che abbiamo chiamato super 11, che collega Boccadasse a Fiumara è in una progettazione avanzata per quello che riguarda il tratto tra Fiumara e Porto Antico – spiega – e stiamo lavorando su Corso Italia. Ieri abbiamo fatto una riunione operativa con i tecnici e con i privati che avevano donato una parte del progetto e credo che possiamo iniziare a lavorarci”.

Il tema delle piste ciclabili non interessa solo chi si muove in bici ma anche i genovesi (per ora molto pochi) che dal primo gennaio possono circolare legalmente con un monopattino elettrico. Ad oggi i veicoli sono di fatto equiparati, anche per il codice della strada, ma presto le norme nazionali potrebbero diventare ancora più specifiche.

L’assessore Campora ne ha parlato di recente in un incontro nella sede di Anci Lombardia con gli assessori omologhi di Milano, Torino, Bologna e Parma. Ma visto che Genova ha una struttura urbanistica differente dalle città Pianura Padana, il Comune sta valutando l’ipotesi di istituire divieti specifici su alcune strade ritenute pericolose per i monopattini elettrici. Così resta per ora nel cassetto la mozione, presentata dal Pd e approvata all’unanimità in consiglio, che impegna la giunta a valutare l’istituzione di servizi di sharing dedicati.