Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Entella-Cremonese: le parole di mister Boscaglia, Paroni e Toscano risultati fotogallery

L'allenatore, il portiere ed il centrocampista commentano la partita terminata 1 a 1

Chiavari. Virtus Entella e Cremonese si dividono un punto che per motivi diversi può essere utile ad entrambe viste le condizioni di emergenza assenze alle quali sia Boscaglia che Rastelli hanno dovuto far fronte. I biancocelesti mancavano in pratica di tutto il reparto centrale con Settembrini, Paolucci e Schenetti degnamente sostituiti rispettivamente da Toscano, Mazzitelli e Currarino. Cambio anche in porta con Paroni a sostituire Contini giunto al turno di squalifica ed al centro della difesa dove un problema fisico per Pellizzer consigliava l’affidabile conferma di Poli. In panchina, oltre agli ultimi arrivi Zaccagno e De Col, anche la prima convocazione per i primavera Andreis, Mogos e Buso.

Calcio, Serie B: Virtus Entella vs Cremonese

L’allenatore Roberto Rocco Boscaglia commenta: “Una partita difficile già alla vigilia. Sapevamo che la Cremonese si giocava tanto. È stata una partita che è iniziata malissimo: abbiamo preso gol, un gol che poteva stordirci. E invece assolutamente questo non è successo. Devo fare i complimenti alla squadra perché alcuni di questi giocatori avevano giocato poco, quasi mai insieme e invece oggi hanno tirato fuori una prestazione importante, questo vuol dire che si allenano bene, che stanno bene, che il gruppo è forte e solido. Abbiamo anche rischiato di vincere alla fine; allo stesso tempo abbiamo rischiato qualche cosa perché Andrea è stato bravo in due occasioni. Partita bella, tosta, maschia; ci portiamo questo punto a casa, ma soprattutto una grande prestazione”.

“Oggi era importante vincere – prosegue Boscaglia -, ma era importantissimo non perdere perché il girone di ritorno è diverso, è difficile, i punti si fanno a uno a uno. Dobbiamo mettere su punti per arrivare all’obiettivo prima possibile. Abbiamo visto anche i risultati degli altri, sono risultati a sorpresa, quindi è un campionato sempre più difficile, sempre più tosto, maschio. Oggi, vista anche qualche defezione di troppo, perché erano tanti, sapevo che chi fosse andato in campo avrebbe dato il massimo, quindi complimenti a loro. Mazzitelli, Toscano e Mirko tutti e tre insieme non avevano mai giocato; abbiamo avuto anche l’ingresso del capitano che è da tanto che era fuori. Bene; Poli come al solito ha fatto il suo. Sono contento da questo punto di vista; dobbiamo continuare così perché il campionato è veramente ancora molto lungo e le partite sono difficilissime. Però questa partita ci dà ancor più fiducia, perché arriva in un momento di difficoltà, a livello proprio numerico, contro una squadra di tutto rispetto”.

Andrea Paroni è tornato in campo dal primo minuto. “Ero emozionato, sono sincero – ammette -, perché quando non si gioca da tanto si dice sempre ‘gioca tranquillo, non hai niente da perdere’, invece bisogna sempre dimostrare, il calcio è fatto così. Non bisogna pensare al passato ma sempre al futuro e quindi ero emozionato, ero abbastanza teso anche in settimana. È sempre una partita di calcio, ma mi mancava questo profumo della partita dal primo minuto. Quindi sono contento e sono contento anche per il punto che fa classifica e non è assolutamente da buttare. È stata una bella giornata”.

“Ne approfitto per ringraziare un po’ tutta la gente che ha fatto il tifo per me sia in settimana sia oggi. Mi hanno dimostrato tanto calore – dice il portiere -. Ringrazio davvero tutta le gente che c’era oggi al Comunale e la gente di Chiavari che in settimana mi è sempre stata vicino. Piccoli tasselli; quando non si può essere protagonisti ogni giorno, in settimana io cerco di aiutare i miei compagni e poi quando c’è da farsi trovar pronti spero di poter continuare così”.

“Il presidente a Livorno – racconta Paroni -, appena finita la partita, mi ha detto ‘Andre, c’è la Cremonese, tu e la Cremonese avete un bel rapporto e quindi giocatela sereno. Era una partita importante contro una squadra importante, che sicuramente sta attraversando un’annata un po’ complicata ma i valori sono sicuramente di alta classifica. È stata una partita tosta; passare sotto in quel modo lì su una palla inattiva ci ha per un attimino destabilizzato però siamo stati bravi a pareggiarla nel primo tempo. Una cosa ci tenevo a dirla: complimentarmi con i ragazzi. Si è parlato in settimana, c’erano quattro assenze di titolari, il gruppo ha risposto bene perché chi ha giocato si è fatto trovare pronto; abbiamo dimostrato che siamo una squadra in cui si può sopperire uno all’altro. Il mister ci aveva detto anche questo, che non gli piacciono le scelte forzate ma vuole scegliere. Penso che questa partita gli abbia dato queste risposte: la squadra c’è, il gruppo c’è, può contare su ciascuno di noi”.

“Volevo dedicare questa partita a un amico mio, un amico dell’Entella, ovvero Giovanni Costa, che in settimana ha avuto un piccolo infortunio ma sta reagendo alla grande, quindi l’abbraccio di tutta la squadra di tutta l’Entella. Oggi se non sbaglio suo figlio nella Primavera ha fatto due gol, quindi gli abbiamo dato un aiuto. Gio questa è per te” conclude Paroni.

Il centrocampista Marco Toscano afferma: “Loro sono una squadra che è stata costruita per vincere questo campionato però sta trovando delle difficoltà, perché come sta dimostrando questo percorso se non metti la cattiveria giusta e l’atteggiamento giusto puoi soffrire con tutte. Oggi siamo stati bravi a non perdere questa partita, perché abbiamo subito un gol che magari si poteva evitare all’inizio, l’abbiamo rimessa in sesto e siamo stati bravi, perché di solito queste partite si perdono. C’erano diverse assenze, ma appunto per questo si chiama squadra e quando uno è chiamato in causa per dare il suo contributo deve dare sempre il 200%”.

“Io, Mazzitelli e Eramo non avevamo mai giocato tutti e tre insieme, però chi gioca gioca, ci alleniamo sempre a mille all’ora, proviamo tutto al minimo dettaglio – conclude Toscano – quindi è giusto così. Già da martedì dobbiamo preparare la difficilissa trasferta di Frosinone, deve essere una grande battaglia: dobbiamo andare là per ottenere punti e ottenere il massimo”.