Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Denuncia choc sui cantieri fantasma, Autostrade: “Mai segnalati problemi di sicurezza”

I sindacati lamentano ritardi nei pagamenti degli stipendi, Aspi replica: "Riguarda solo 17 lavoratori e non 180"

Genova. “Non ci sono mai giunte segnalazioni, lamentele o contestazioni” sulla sicurezza dei cantieri in autostrada. A precisarlo è Autostrade per l’Italia in una nota dopo la denuncia a Genova24 di un ex lavoratore della Sanguglielmo, cooperativa che curava la segnaletica e il presidio dei lavori anche sulle tratte liguri. I sindacati invece affermano di aver sempre segnalato rischi per la sicurezza, condizioni di caporalato, soldi da anticipare di tasca propria e stipendi non pagati per mesi prima che l’azienda passasse il testimone alla Securway, con cui i problemi sarebbero proseguiti.

“Sanguglielmo è una cooperativa che opera principalmente nell’ambito di un appalto affidato al consorzio Viagest, in favore del quale la direzione di tronco ha effettuato con la dovuta regolarità tutti i pagamenti di propria competenza – prosegue il comunicato della società Autostrade -. La problematica dei mancati pagamenti interessa 17 dipendenti, a fronte dei 180 di cui si parla nelle notizie di stampa. Aspi in questi mesi, pur non avendo alcuna responsabilità sulla cooperativa, si è sempre resa disponibile per individuare una soluzione, dialogando con i sindacati e verificando sempre lo stato delle cose.

“In seguito ai solleciti di Aspi – sostiene ancora la concessionaria – Viagest ha provveduto a versare direttamente le retribuzioni di ottobre e novembre 2019 non pagate dalla Società Cooperativa Sanguglielmo, a titolo di intervento sostitutivo previsto dalla legge. A dicembre 2019 Sanguglielmo ha comunicato la stipula di un contratto di affitto d’azienda con Securway, per tutti i contratti in essere con Aspi e con le altre committenti”.

Il problema degli stipendi, insomma, sarebbe molto limitato secondo Autostrade: “Ad oggi, stando alle rassicurazioni di Viagest, che Aspi sta comunque verificando, abbiamo evidenza del pagamento delle retribuzioni arretrate fino alla data di cessazione attività della Sanguglielmo, il 15 novembre 2019. Per quanto riguarda Securway, i cui dipendenti lavorano per numerosi e diversi soggetti oltre ad Aspi, sono in corso le verifiche sulla regolarità dei versamenti nei confronti del personale impiegato nelle lavorazioni di nostra competenza. Aspi auspica un intervento repentino anche di tutte le altre committenti interessate”.