Quantcast
Attesa e code

Corso Perrone, Tursi assicura: “In atto i monitoraggi, riapriremo a breve”

Dopo le frane di novembre ci sono movimenti in atto, ma dovrà essere riaperta per la prosecuzione dei lavori del ponte

Allerta rossa 23 novembre

Genova. Una tempistica precisa ancora non c’è ma il Comune di Genova assicura che corso Perrone riaprirà prima possibile, forse già entro una o due settimane.

“Stiamo facendo una campagna di monitoraggi sui movimenti franosi e sulla tenuta di alcuni muraglioni – spiega l’assessore comunale ai lavori pubblici Pietro Piciocchi – ovviamente per noi è una zona di alta attenzione anche perché è direttamente connessa con i lavori del ponte”.

A breve infatti, anche se il calendario dei vari dei prossimi impalcati ancora non è stato fornito, dovranno essere fatti salire gli impalcati da 100 metri sul fiume dal lato di via 30 giugno: “In quella fase – chiarisce Piciocchi – la strada dovrà essere temporaneamente chiusa e proprio per questo è indispensabile che corso Perrone sia messo in sicurezza e riaperto. Lo faremo in tempi brevi”.

La strada era stata pesantemente interessata da due movimenti franosi verificatisi nel corso degli eventi alluvionali di fine novembre, poi era stata riaperta ma richiusa poco dopo per una nuova frana in atto per la quale sono in corso i monitoraggi dei geologi del Comune.

La chiusura crea evidenti disagi al traffico in Val Polcevera visto che le auto posso al momento transitare solo in via 30 giugno oppure, dall’altro lato del fiume, in via Fillak essendo chiusa anche via Perlasca.

Più informazioni
leggi anche
Generica
Ahia
Nella notte pioggia e allagamenti, corso Perrone chiuso ad auto e moto
Allerta rossa 23 novembre
Situazione pesante
Corso Perrone, 50 metri di fronte franoso: vigili del fuoco al lavoro per aprire una via pedonale a monte
Generica
Tante emergenze
Frana su corso Perrone: 120 persone isolate, protezione civile al lavoro
Nuova frana in corso Perrone
Chiuso
Corso Perrone, torna l’incubo delle frane: sotto accusa l’area per i detriti del Terzo Valico