Quantcast
Pericolo dal mare

Coronavirus, occhi puntati su traghetti e crociere: a Genova pronti guanti e mascherine nei terminal

Il presidente di Stazioni Marittime: "Al momento siamo tranquilli, ma pronti a intervenire". Al Colombo 5mila passeggeri sotto osservazione

msc crociera - terminal traghetti - porto di genova

Genova. Controlli sanitari in banchina, scansioni termiche obbligatorie prima di imbarcarsi, mascherine e guanti pronti per tutti gli operatori se fossero segnalati casi sospetti a bordo delle navi. Il porto di Genova si organizza per far fronte all’emergenza globale coronavirus dichiarata ieri dall’Organizzazione mondiale della sanità. A preoccupare non sono le merci, perché non è sui container che il morbo è in grado di viaggiare e sopravvivere, ma piuttosto i passeggeri di traghetti e soprattutto navi da crociera.

Al momento l’ufficio sanità marittima, che a Genova ha sede a ponte Doria ma dipende direttamente dal ministero della salute, non ha emesso ordinanze specifiche. Se dovesse scattare un allarme a bordo sarebbe quest’ente ad avere l’ultima parola sull’autorizzazione allo sbarco. Nei prossimi giorni non risultano crociere di passaggio a Genova con cittadini cinesi a bordo, quindi il livello di allerta resta basso ma intanto si lavora per affinare i meccanismi. “La procedura corretta è quella seguita a Civitavecchia”, aveva spiegato ieri il presidente del porto Paolo Emilio Signorini

“Per ora siamo assolutamente tranquilli – assicura il presidente di Stazioni Marittime, Edoardo Monzani -. L’unico documento esistente è stato emesso dalla sanità marittima di Palermo e suggerisce agli operatori portuali di adottare misure come mascherine e guanti qualora ci fossero casi di coronavirus a bordo o a terra. Ne abbiamo preso atto e lo abbiamo recepito come spunto di ragionamento. Se ce ne sarà bisogno, anche noi ci comporteremo così”.

Nei terminal frequentati dai viaggiatori l’emergenza globale non ha ancora avuto ripercussioni. Monzani ha spiegato che saranno eventualmente le compagnie a chiedere disponibilità di spazi per filtraggi o altre attività precauzionali. Msc ha vietato l’imbarco a chi è stato in Cina negli ultimi 30 giorni e a chi mostra sintomi compatibili con quelli del coronavirus (febbre, brividi, tosse e difficoltà respiratorie). Le procedure avvengono direttamente in banchina.

Pronto a intervenire anche l’aeroporto Cristoforo Colombo, che tuttavia è coinvolto solo in maniera marginale. Da Genova, infatti, non ci sono voli diretti per la Cina. I passeggeri infetti verrebbero fermati a Roma, Milano, Francoforte, Parigi e negli altri scali internazionali. Nel 2019 tra Genova e la Cina hanno volato 5mila persone, un numero che rappresenta appena lo 0,3% del volume totale tra arrivi e partenze. L’unica situazione in grado di scatenare l’allarme sarebbe l’atterraggio di un volo privato proveniente dalla Cina: in quel caso scatterebbe il protocollo specifico di Enac.

Più informazioni
leggi anche
salute medico medicina
Emergenza globale
Coronavirus, task force operativa in Liguria: allertati i medici di medicina generale
MSC Seaview
Allarme
Coronavirus, dichiarata l’emergenza globale: Msc vieta le crociere a chi è stato in Cina
Costa Crociere Smeralda
Il caso
Virus Cina, primi test escludono il morbo sulla Costa Smeralda
Terminal Spinelli
Batosta
Porto di Genova, disastro autostrade: il 2019 si chiude in calo. E ora spaventa il virus dalla Cina
messina container
Incertezza
Virus Cina, il porto di Genova teme la contrazione dei traffici merci
Generica
Il piano
Coronavirus, la Liguria si prepara all’emergenza: “Oggi rischio basso, ma Genova è un punto caldo”
Costa Smeralda, le immagini della presentazione
Emergenza
Coronavirus, allarme sulle navi: anche Costa vieta le crociere a chi è stato in Cina
Generica
Danni
Coronavirus, Spediporto: “Con il blocco dei voli per l’Asia aumento del 400% dei costi per l’export”
Generica
Curiosità
Altro che Coronavirus: quando i genovesi importarono dalla Cina la terribile peste nera
San Martino ospedale pronto soccorso codice rosso sanità policlinico
Falso
Coronavirus, nuovo allarme al San Martino per una donna rientrata dalla Cina
Turisti cinesi Liguria
Ricadute
Coronavirus, l’allarme stronca il turismo in Liguria: nel 2020 perderemo 127 milioni di euro
San Martino ospedale pronto soccorso codice rosso sanità policlinico
Emergenza
Coronavirus, a Genova pronte ambulanze dedicate per pazienti infetti a bordo delle navi
Generica
Virus
Coronavirus, genovesi in fuga dai ristoranti cinesi: “Noi vittime di razzismo, ora rischiamo di fallire”
Porto genova crociere msc
Misure
Coronavirus, a Genova scanner per misurare la febbre a chi si imbarca sulle navi da crociera
Generica
Allarme
Coronavirus, prime ricadute sul porto di Genova: merci dalla Cina in calo del 5%
controlli terminal traghetti code
Dati
Crociere e traghetti portano a Genova 400 milioni all’anno “ma la città deve essere più accogliente”
Generica
Disastro
Coronavirus, per traghetti e crociere sarà un’ecatombe: “A Genova passeggeri dimezzati nel 2020”