Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Comune Genova vince bando Ue: mezzo milione di euro da investire su via Pré

Palazzo Tursi si aggiudica Hub-In, un progetto per la rigenerazione urbana delle aree storiche

Più informazioni su

Genova. Prè come nuovo polo cittadino della cultura, l’artigianato e l’intercultura, grazie ad attività commerciali innovative e spazi per eventi e mostre. Al via un programma di riqualificazione che prevede un mix di interventi materiali e non, dall’arrivo dei temporary shop, i negozi provvisori, all’apertura delle porte posteriori di musei e Università, alla formazione dei commercianti.

Il Comune di Genova si è aggiudicato Hub-In, un progetto di rigenerazione urbana finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito di Horizon 2020 Call, per un totale di 560mila euro, di cui 112 mila euro riconosciuti come ore-lavoro.

L’obiettivo del progetto è di creare un hub di innovazione e imprenditorialità per la trasformazione di attività storiche nell’area di Prè. «Il progetto ha la durata di 48 mesi – spiega l’assessore all’Urbanistica Simonetta Cenci – e prevede di insediare, attraverso la coprogettazione con i privati, alcune attività commerciali innovative, sostenute dalla riqualificazione urbana e da eventi che portino nell’area nuovi fruitori e turisti».

L’obiettivo è di favorire nuovi insediamenti commerciali e promuovere attività di conoscenza, di formazione e di valorizzazione del patrimonio storico e contemporaneo, per ridefinire Prè come nuovo luogo cittadino della cultura, dell’artigianato e dell’intercultura.

Gli spazi pubblici saranno adibiti per ospitare eventi ricorrenti, mostre temporanee, temporary shop. Le piazzette riqualificate saranno animate con eventi sia di quartiere che di livello cittadino, promuovendone il progressivo uso e “adozione” da parte di associazioni e abitanti, per organizzare mercatini, cinema all’aperto, feste.

Si studieranno i motivi per cui i palazzi dei musei e dell’Università tengono chiuse le porte in direzione dell’abitato e si cercheranno soluzioni organizzative, culturali e tecnologiche per riaprirle.

E ancora, il tessuto commerciale sarà accompagnato a riqualificarsi sia nell’aspetto dei negozi, sia nella logistica, per diventare più accessibile e invitante, sia in termini di proposta commerciale. Prè potrà attrarre abitanti e turisti come luogo simbolo, superando un’immagine talvolta negativa, per affermarsi sempre più come un quartiere multiculturale ricco di gusti, sapori, relazioni e narrazioni.

Saranno inoltre apportate attività di consulenza che consentiranno alla singola impresa esistente, la messa a punto del proprio prodotto e proposta commerciale; alla rete di imprese la definizione di strategie comuni per favorire l’identificabilità e il marketing; ai soggetti creativi lo sviluppo di progetti sostenibili di insediamento, la costruzione di business plan per reti, associazioni o per l’avvio di impresa; ad imprese coerenti con il distretto, di costruire insediamenti mirati. Si collaborerà, inoltre, con le imprese turistiche per la riorganizzazione dell’offerta anche attraverso la produzione/commercializzazione di pacchetti che dovranno includere il territorio.

Il progetto Hub-In prevede di contribuire a invertire sistematicamente le tendenze di abbandono del patrimonio storico creando reti di poli in cui l’innovazione sarà il motore principale. Hub-in avrà anche un impatto diretto sulla creazione di nuove opportunità sostenibili per le imprese tradizionali locali e per lo sviluppo di nuove competenze e posti di lavoro creativi.

Il parternariato trasnazionale vede la partecipazione delle città di Lisbona (PT), Angouleme (FR), Utrecht (NL), Ptuj (SVN), Belfast (UK), Lefkosia(CY), Brasov (RO).

A livello locale lavoreranno insieme il Comune di Genova, attraverso il coinvolgimento di tutti gli assessorati interessate, IRE Agenzia Regionale Ligure Infrastrutture Recupero Energia avvalendosi della collaborazione dell’Università di Genova