Ansaldo energia, lavoratori in sciopero: “Decentramenti e zero investimenti, non faranno morire questa azienda” - Genova 24
La protesta

Ansaldo energia, lavoratori in sciopero: “Decentramenti e zero investimenti, non faranno morire questa azienda”

La denuncia dell'rsu: "Fornitori non pagati, reparti fermi e nessun piano per il futuro"

Generica

Genova. “Zero investimenti, zero prospettive e il lavoro viene dato fuori”. Così Federico Grondona, delegato Fiom di Ansaldo Energia, spiega perché questa mattina a partire dalle 8.30 i lavoratori sono scesi in piazza, dichiarando sciopero immediato dopo l’ennesimo episodio di decentramento.

Questa mattina infatti, come viene denunciato in un comunicato dell’rsu “in attrezzeria un pezzo messo sulla macchina è stato tolto, decentrato e lavorato fuori, così un operaio Ansaldo è rimasto fermo per l’intero turno e questa è solo la punta dell’Iceberg”.

C’è grande preoccupazione tra i 2400 dipendenti di Ansaldo Energia che denunciano come diversi reparti sempre più svuotati, macchinari fermi, materiali che non arrivano perché i fornitori non vengono pagati.

“Chiediamo prospettive, futuro e un piano di investimenti – spiega ancora il delegato – e finché non arriveranno non ci fermeremo. L’azienda ci ha detto che non può investire perché deve saldare i debiti e prospetta centinaia di esuberi fra gli impiegati, ma noi non ci stiamo perché il lavoro non manca. Non lasceremo che facciano morire questa azienda”.

leggi anche
turbina ansaldo energia
Forte indebitamento
Ansaldo Energia: piano da 300 esuberi tra gli impiegati. Partito il confronto con Fiom, Fim e Uilm