Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Le associazioni di Genova24 - Dove lo butto

Informazione Pubblicitaria

Yes I Can, la differenziata degli imballaggi in acciaio si impara anche con il teatro

Il format è un’ottima occasione per spiegare ai ragazzi l’importanza di separare correttamente gli imballaggi in acciaio

Genova. Imparare a differenziare gli imballaggi in acciaio per avviarli correttamente al riciclo e salvaguardare il pianeta. Arriva per la prima volta a Genova “Yes I Can”, il format teatrale promosso da Ricrea (Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Acciaio) che racconta ai ragazzi la pratica del recupero e il riciclo degli imballaggi in acciaio e i benefici che ne conseguono.

Grazie al supporto e alla sinergia con Amiu, la pièce ha trovato casa stamani nella sede dell’Istituto superiore Montale, in via Timavo, con due repliche alle 9.30 e alle 11.30. Uno spettacolo diretto e condotto da Luca Pagliari, giornalista, regista e moderno story-teller. L’iniziativa si inserisce perfettamente all’interno di “Differenziata 10 e lode”, il grande progetto di Amiu con le scuole sulle buone pratiche della raccolta differenziata che nell’ultima edizione ha coinvolto ben 7mila studenti.

Il format è un’ottima occasione per spiegare ai ragazzi l’importanza di separare correttamente gli imballaggi in acciaio come barattoli, scatole, scatolette, fusti, secchielli, bombolette, tappi e chiusure. Tutti oggetti di uso quotidiano che, se raccolti e avviati a riciclo, possono tornare a nuova vita senza perdere alcuna qualità, trasformandosi ad esempio in chiodi, bulloni, travi per l’edilizia, binari ferroviari o arredi urbani. L’approccio narrativo di “Yes I Can” oscilla tra il giornalismo e il teatro, con un affascinante monologo teatrale in cui Luca Pagliari suggerisce spunti di riflessione e invita a una maggiore consapevolezza e senso di responsabilità la giovane platea, affinché abbia un ruolo attivo nella tutela dell’ambiente.

Qui il link al video esplicativo.