Grandi opere

Terzo Valico e nodo ferroviario, l’impazienza di Bucci: “Pronti nel 2023? Bisogna accelerare”

Il Cociv: "Scavi al 40%, stiamo andando più veloce". Rixi all'attacco: "Telenovela commissario, la nomina non c'è ancora"

Genova. “Le gallerie del Terzo Valico stanno andando bene, confidiamo che i tempi siano rispettati. Ma bisogna accelerare con Rfi per la parte ferroviaria vera e propria perché questa deve essere pronta quando sarà terminata la galleria, bisogna imparare ad andare in parallelo e non in sequenziale, come stiamo facendo col ponte”. Il sindaco di Genova Marco Bucci non perde l’occasione e a margine della messa in cantiere in onore di Santa Barbara, protettrice di muratori e minatori, chiede di andare più veloce per rispettare la consegna nel 2023, un obiettivo “verosimile”, come conferma Nicola Meistro, direttore generale del Cociv.

Gli scavi sono a circa il 40% del totale, significa che è già stata fatta tutta la fase iniziale di un progetto così complesso: l’acquisizione delle aree, la risoluzione delle interferenze, tutte le cantierizzazioni”, spiega Meistro. Che al sindaco risponde così: “Lui è sempre per accelerare, ma anche noi. Ora stiamo spingendo in fondo all’acceleratore. Riusciamo a scavare anche più di due chilometri di galleria al mese. Vogliamo realizzare quest’opera nei tempi previsti, faremo di tutto e ci riusciremo”.

Ma a cosa si riferisce il sindaco quando parla di “parte ferroviaria”? L’espressione non è chiara, ma è noto che il Terzo Valico non potrà funzionare senza il nodo ferroviario, un insieme di gallerie e binari che servirà a separare i treni locali da quelli a lunga percorrenza, dotando Genova di una vera metropolitana con nuove fermate a Palmaro, Aeroporto e Terralba. I lavori sono fermi da due anni dopo la crisi del gruppo Astaldi che ha costretto Rfi a rescindere il contratto.

La palla ora è nelle mani di Calogero Mauceri, scelto come commissario unico per entrambe le opere per effetto dello sblocca cantieri. Ma il decreto ufficiale di nomina ancora non c’è: secondo indiscrezioni dovrebbe arrivare venerdì o lunedì. “A forza di essere una questione di giorni, la nomina del commissario del nodo di Genova è diventata una telenovela di mesi – attacca l’ex viceministro Edoardo Rixi -. Anche oggi l’ad di Rfi Gentile, in audizione in commissione trasporti alla Camera, ha confermato quanto già sapevamo, cioè che ancora non è stata formalizzata la nomina del nuovo commissario”.

Salvo sorprese, Mauceri dovrebbe avere poteri speciali per saltare le normali procedure di gara e affidare i lavori direttamente a Salini-Impregilo, componente maggioritaria del consorzio Cociv. “Noi siamo già pronti – assicura il presidente Marco Rettighieri, ex commissario del Terzo Valico -. Queste opere non sono cattedrali che vivono di vita propria, sono tutte opere interconnesse e lo Stato italiano ha dato i fondi per poterlo realizzare. Ho già incontrato Mauceri, che mi ha detto di essere stato catapultato su quest’opera. I cantieri del terzo valico non sono mai stati fermi, per quelli del nodo stiamo dialogando con Rfi”.

leggi anche
"Non solo formaggio", enogastronomia di Millesimo (Redazionale)
Grande opera
Nodo ferroviario di Genova, 100 lavoratori “congelati” da oltre un anno: “Ora basta”
Generica
Tutto fermo
Terzo Valico, commissario bloccato alla Corte dei conti. Rixi: “Ministero in tilt completa”
Generica
Finalmente
Si sblocca il nodo ferroviario di Genova, dopo otto mesi via libera al commissario
Generica
Avanti
Nodo ferroviario, lavori affidati a Cociv: “Entro qualche settimana riparte il cantiere”
Generica
Grandi opere
Terzo Valico e nodo ferroviario, il coronavirus rallenta i lavori: a rischio la scadenza del 2023
Generica
"ci scusiamo per il disagio"
Terzo Valico, doccia gelata dal governo: il Recovery Plan snobba il raddoppio verso Milano