Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tennistavolo: l’A4 Verzuolo espugna Genova all’ultimo respiro risultati

Enrico Puppo e Andrea Puppo ottengono un punto ciascuno; Olajide Omotayo si ferma ad un set dal pareggio

Genova. L’A4 Verzuolo Tonoli Scotta si è imposto per 4-2 in casa del Tennistavolo Genova Cervino, al termine di tre ore e mezzo di battaglia, nel secondo match della seconda giornata di ritorno di Serie A1 maschile e si è rafforzato in ottica playoff, raggiungendo al terzo posto l’Aon Milano Sport, che giocherà oggi contro l’Apuania Carrara.

La gara è iniziata alle ore 21,15, con tre quarti d’ora di ritardo, per l’allerta meteo. Entrambe le squadre non erano al completo, perché ai padroni di casa mancava il russo Mikhail Paikov e agli ospiti il suo connazionale Denis Ivonin.

A disputare il primo singolare sono stati proprio i loro sostituti ed Enrico Puppo dal 3-3 è scattato sul 5-3 e dal 6-4 sul 9-4. Ha avuto cinque set-point (10-5) e ha dovuto ricorrere al quarto per portarsi in vantaggio. Nel secondo parziale il suo ritmo è stato travolgente (7-1) e anche in questo caso sul 10-5, Mattia Garello ha annullato le prime tre palle per chiudere.

Nel terzo parziale i ruoli si sono invertiti ed è stato il verzuolese ad allungare (6-1). Al 10-5 è approdato lui e Puppo ha salvato i primi quattro set-point, non il quinto. Il genovese è tornato in campo convinto, scattando sul 2-0 e dal 2-2 al 5-2. Dal 7-4 ha dato lo strappo decisivo (9-4) e sul 10-5 il match point buono è stato il primo.

Artur Abusev ha messo a segno i primi quattro punti, utilizzandoli come trampolino di lancio per conquistare il primo set. Riavvicinato da Olajide Omotayo (8-6), ha stretto i denti e dal 9-7 non si è più fermato. Più lottato il secondo parziale, con il difensore russo bravo nel finale a prendere un piccolo break (9-7). Sul 10-8 il nigeriano ha neutralizzato i due set point, si è guadagnato il suo primo (11-10), anch’esso annullato, e al secondo (12-11) è stato efficace.

Abusev ha resettato e al ritorno al tavolo si è portato sul 3-0. Il break dell’atleta locale è stato però dilagante (8-1) e gli assegnato un vantaggio incolmabile, che gli ha permesso di avere cinque palle set, concretizzando la prima. Il portacolori cuneese ha trovato la forza per scattare ancora (5-1), ma è stato di nuovo riassorbito (5-5). Ha saputo ripartire (7-5) e guadagnarsi quattro set-point (10-6), concretizzando il secondo. Alla bella Abusev ha cambiato campo sul 5-2 e non si è più fermato.

In avvio del terzo incontro è stato avanti prima (4-2) Daniele Pinto e poi (6-4) Andrea Puppo. Il piemontese ha riassunto l’iniziativa (8-6) e, dopo una nuova parità (9-9), si è visto annullare il primo set-point (10-9), non il secondo (11-10). Il più giovane genovese ha iniziato deciso il secondo parziale (7-2) e se lo è aggiudicato in scioltezza.

Ha continuato a martellare (3-1) e Pinto non è stato da meno, ribaltando il risultato (4-3) e incrementando il margine (7-4). È salito a quattro set-point (10-6) e ha approfittato del secondo. L’alfiere dell’A4 ha insistito (5-1) e ha intensificato il suo sforzo (8-3), portando i suoi colori sul 2-1.

Abusev ha avuto un avvio lanciato (7-2) e nonostante il recupero di Enrico Puppo (8-5), si è imposto nel primo set. Nel secondo è andato sul 3-0, è stato ripreso (3-3) e con due attacchi è ripartito (5-3), rimanendo in testa fino al termine. Tendenza invariata nel terzo parziale (5-1) e soluzione piuttosto rapida.

Sul 3-1 per Verzuolo Andrea Puppo ha rimontato nel primo set da 0-2 e si è portato sul 4-2 e poi sul 7-4. Cinque le sue chance di chiusura (10-5) e Garello gliele ha neutralizzate tutte. Alla sesta (11-10) è riuscito a farcela. Il ligure non ha allentato la pressione (3-0) e, sul rientro dell’avversario (3-3), se n’è andato (7-4) e non è stato più raggiunto. È andato in fuga anche nel terzo parziale (7-1) e ha messo fine alla contesa.

Allo scoccare della mezzanotte sono andati in campo Omotayo e Pinto per l’ultimo singolare. Il primo spunto è stato del nigeriano (4-2), che è stato agganciato (4-4), si è ripetuto (6-4) e non gli è andata meglio (6-6). Sul 7-7 ci ha riprovato (9-7) ed è finita allo stesso mondo (9-9). Pinto con il sevizio si è issato al set-point (10-9) e lo ha concretizzato.

Nel secondo parziale l’azzurro ha fatto il break (3-0) e l’africano ha recuperato e ha messo la testa avanti (6-5). Dal 6-8 Pinto, con un filotto di 4-0, ha inanellato due palle set (10-8) e la seconda lo ha condotto sul 2-0. Con le spalle al muro, Omotayo ha reagito da campione (4-0) e al terzo set point ha dimezzato il distacco dal rivale.

Alla ripresa del gioco la musica non è cambiata (4-1) e l’approdo naturale è stato il quinto set. Si è lottato e al cambio di campo l’atleta del TT Genova conduceva per 5-4. Pinto, con quattro scambi consecutivi a suo favore, lo ha sopravanzato (8-5) e si è assicurato quattro match-point (10-6), sfruttando il primo.

Il tabellino:
Tennistavolo Genova Cervino – A4 Verzuolo Tonoli Scotta 2-4
Enrico Puppo – Mattia Garello 3-1 (11-8, 11-8, 9-11, 11-5)
Olajide Omotayo – Artur Abusev 2-3 (7-11, 13-11, 11-5, 7-11, 4-11)
Andrea Puppo – Daniele Pinto 1-3 (10-12, 11-3, 7-11, 5-11)
Enrico Puppo – Artur Abusev 0-3 (6-11, 6-11, 5-11)
Andrea Puppo – Mattia Garello 3-0 (12-10, 11-5, 11-3)
Olajide Omotayo – Daniele Pinto 2-3 (9-11, 9-11, 11-8, 11-8, 6-11)

.