Sicurezza

Steward per proteggere lo shopping natalizio in cinque zone commerciali di Genova

Personale della società "Close Protection Agency" a Certosa, Sampierdarena, Sestri Ponente, via San Vincenzo e corso Buenos Aires

Generica

Genova. Steward in cinque zone commerciali della città per garantire la sicurezza dei cittadini e intervenire in caso di emergenze. È la novità annunciata dal Comune di Genova, e in particolare dall’assessore alla sicurezza Stefano Garassino nei giorni in cui entra nel vivo lo shopping natalizio.

Nei giorni di sabato e domenica, dal 14 al 31 dicembre, attraverso la società “Close Protection Agency Srl”, saranno presenti steward in cinque aree cittadine: Certosa, Sampierdarena, Sestri Ponente, via San Vincenzo e corso Buenos Aires. Gli steward avranno il compito di contribuire alla percezione di sicurezza con il loro presidio e, nel caso di anomalie, di contattare immediatamente la polizia locale o le forze di polizia perché possano intervenire tempestivamente.

“Vogliamo che le feste siano un periodo sereno per tutti i cittadini, per le attività economiche, per i Civ che tanto contribuiscono, anche con le luminarie e con le iniziative di animazione commerciale, alla vivibilità della nostra città – dice l’assessore Garassino -. La nostra Polizia Locale, insieme a Polizia e Carabinieri, garantisce sempre la presenza e la sicurezza nei quartieri. Numericamente e qualitativamente rilevanti sono, ad esempio, i risultati delle pattuglie anti taccheggio nel centro cittadino nel corso degli ultimi mesi. Crediamo che l’attività degli steward debba essere una cosa differente, mirata alla prevenzione di potenziali situazioni di rischio grazie alle segnalazioni tempestive di degrado urbano o di potenziale disagio per chi frequenta le nostre strade: un occhio in più per trascorrere in tranquillità le feste”.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.