Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sicurezza, l’allarme del Siap: “Nel 2019 in Liguria aumentati i reati legati alla ‘ndrangheta”

Più informazioni su

Genova. “A fine anno ci si diletta a tirare le somme e cogliamo con amara soddisfazione che il Questore del capoluogo ligure, il dott. Ciarambino confermi quanto il SIAP sostiene da anni. Infatti ha dichiarato che Genova aumentano i reati che arricchiscono le mafie (in particolare sul nostro territorio la ’ndrangheta) e diminuiscono le denunce per reati come furti e rapine perché più rischiosi e meno redditizi per la criminalità organizzata che preferisce utilizzare la manovalanza a costo zero presente sui territori, quartieri e rioni più disagiati perché socialmente abbandonati”. Lo annuncia Roberto Traverso, dirigente nazionale del SIAP (Sindacato Italiano appartenenti alla Polizia di Stato).

“Questo vale complessivamente per tutta la Liguria – avverte – infatti l’aumento dello spaccio di stupefacenti è dilagante mentre l’aumento degli incendi dolosi sono un esplicito segnale di presenza di attività estorsiva. Spaccio, sfruttamento prostituzione, estorsioni, inserite in un contesto urbano degradato evidenziato dallo stesso Questore che anche in questo caso condivide la posizione del SIAP ovvero l’importanza di curare il decoro, la pulizia e l’illuminazione dei quartieri per far diminuire l’insicurezza sempre più percepita dalla gente. Compito sociale che compete a chi governa il territorio ed in particolare di quei Comuni come quello di Genova che spesso invece preferisce concentrarsi su politiche per la sicurezza mirate a sovrapporre modelli demagogici basati su soluzioni fai da te a volte nemmeno concordate al meglio nelle sedi istituzionali competenti.

«In conclusione siamo ben consapevoli delle difficoltà che dovremo affrontare nel 2020 per poter supportare al meglio la nostra categoria che oltre a rivendicare un rinnovo contrattuale dignitoso, necessita d’investimenti seri, concreti e non demagogici su un modello di sicurezza democratica distante dalla demagogia fai da te» – conclude Traverso.

Da Riviera24.it