Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sestri Levante, la mareggiata “invade” il borgo. Pulizia in corso a Portobello, Renà e Riva Ponente fotogallery

L'intervento per liberare gli spazi da i detriti portati dal mare

Genova. A seguito della mareggiata di domenica 22 dicembre, sono in corso i lavori di pulizia e di rimozione dei detriti delle zone più colpite dall’evento calamitoso nelle zone di Portobello, Renà, Riva levante e Riva Ponente grazie all’intervento congiunto del servizio di nettezza urbana e di tre imprese esterne.

Vico Byron e via H.C. Andersen, nei pressi di piazza Matteotti, e l’area di Portobello, sono già state riportate alla normalità in seguito alla rimozione e allo smaltimento del materiale spiaggiato, che impediva il transito ordinario e l’accesso alla spiaggia della Baia del Silenzio.
Sono in corso in queste ore gli interventi di sistemazione dell’area costiera di Renà e di Riva Ponente e Levante, con particolare attenzione a piazza della Croce, dove una seconda impresa esterna sta provvedendo alla rimozione e all’eliminazione di detriti e pietre trasportati dalle onde. La priorità attuale dell’Amministrazione comunale è garantire il transito in sicurezza lungo la strada, permettendo ai veicoli il raggiungimento delle gallerie di Moneglia. Si provvederà quindi ad intervenire per la sistemazione delle aree gioco e dei lungomari.
Gli interventi odierni fanno seguito al programma messo in atto dal Comune di Sestri Levante in risposta agli intensi fenomeni meteomarini di cui la città era stata protagonista tra il 29 e il 30 ottobre 2018 che avevano comportato il crollo del lungomare di Renà.

Per una corretta prevenzione di ulteriori cataclismi naturali, l’Amministrazione comunale ha pianificato una serie di interventi per la manutenzione delle dighe già presenti sul territorio nonché la sistemazione e la messa in sicurezza delle strade maggiormente a rischio per cui sono previste richieste di finanziamenti alla Regione Liguria che si andranno ad aggiungere a quelli già ottenuti. Tra questi, il rifiorimento della diga del porto di Sestri Levante per cui saranno investiti 3.450.000 milioni di euro e ulteriori 250mila euro, il riempimento e il ripristino del muro di cinta della terrazza dell’ex convento dell’Annunziata per un importo di 300mila euro.
Al centro delle future operazioni anche un ulteriore intervento sulla diga di Portobello: per l’avvio dei lavori si è in attesa del completamento dello studio del dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale dell’Università di Genova per la modellazione numerica della circolazione costiera e la valutazione di ricadute in termine di protezione civile all’interno della Baia del Silenzio di cui è prevista una presentazione pubblica nel mese di gennaio. Sono stati presentati inoltre le richieste di finanziamento per i lavori di consolidamento del muro del “belvedere” sulla Baia del Silenzio, in via dei Cappuccini e il consolidamento del muro di sostegno nell’area adiacente alla chiesa di San Nicolò dal valore complessivo di 500mila euro.
“Il clima che cambia e i suoi effetti sul territorio devono essere i temi prevalenti dell’impegno non solo dei Sindaci, presenza capillare sul territorio e primo punto di riferimento per i cittadini, ma soprattutto di Regioni e Governo, che devono mettere in atto le risorse necessarie a garantire un piano straordinario di prevenzione – commenta il Sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio -. Come sempre, il mio più sentito ringraziamento va alla mia squadra, ai tecnici e agli operai per il loro grande impegno, senza cui non sarebbe possibile ottenere risultati efficienti, efficaci e puntuali”.