Sestri Levante, evade le tasse per 2 mln di euro. Sequestro di immobili e arresto - Genova 24
Indagini

Sestri Levante, evade le tasse per 2 mln di euro. Sequestro di immobili e arresto

Dichiarazioni sbagliate, residenze fiscali all'estero e operazioni truccate

guardia di finanza finanzieri fiamme gialle auto

Genova. La Guardia di Finanza di Riva Trigoso ha ultimato una complessa attività investigativa nei confronti di un cittadino italiano residente in Svizzera ed iscritto all’AIRE del Comune di Sestri Levante. Questi è risultato avere molteplici cointeressenze e rappresentanze in numerose società sia nazionali che estere, tra cui alcune operanti nel campo immobiliare e nella somministrazione di alimenti e bevande, con unità locali a Sestri Levante.

Gli elementi raccolti a seguito degli accessi eseguiti presso la residenza della coniuge e delle sedi delle società a vario titolo riconducibili al soggetto, nonché i successivi accertamenti, hanno permesso di dimostrare che il centro degli interessi familiari ed economici del soggetto era da individuarsi sul territorio italiano e non in quello elvetico.

Al termine dell’attività ispettiva veniva pertanto in primis constatata l’infedele dichiarazione relativa a 3 anni d’imposta per complessivi elementi positivi di reddito non dichiarati pari a 824 mila euro. Un’ulteriore attività ispettiva avviata successivamente nei confronti di una società di cui risultava amministratore, ha consentito di verificare l’omessa dichiarazione di altri 650 mila euro di elementi positivi di reddito e di circa 300 mila di IVA non versata.

Venivano inoltre accertate emissioni di diverse fatture per operazioni inesistenti per oltre 300 mila euro nei confronti di alcuni operatori economici di Sestri Levante e Casarza Ligure, nonché di appurare che gli importi di tali fatture false venivano reinvestiti dal medesimo nelle attività economiche di cui egli risulta essere l’effettivo titolare.

Il medesimo è stato pertanto denunciato anche per “autoriciclaggio” ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, che ha comportato la denuncia anche per i soggetti economici utilizzatori delle stesse. L’immobile di una delle società riconducibili al soggetto verificato è stato sottoposto a sequestro preventivo.