Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ranieri: “Regalati 30 minuti al Parma, sabato non sarà il derby della paura” risultati

Per la prima volta il mister blucerchiato dice espressamente di non essere soddisfatto di quanto visto in campo

Genova. “Abbiamo impiegato mezz’ora prima di cominciare a giocare, anche se avevamo concesso solo un calcio d’angolo e qualche ripartenza agli avversari. Ci siamo fatti sorprendere”. Claudio Ranieri mostra, per la prima volta, di non essere soddisfatto della sua Sampdoria, dopo la sconfitta per 0-1 contro il Parma.

“La squadra mi è piaciuta negli ultimi 10 minuti del primo tempo, con Ramirez che è riuscito a trovare la posizione idonea. Poi nel secondo tempo abbiamo creato molto di più, ma purtroppo è un momento così”.

Il mister blucerchiato vorrebbe i suoi ragazzi più determinati e convinti: “La squadra non è abituata a trovarsi in questa situazione di piena lotta e allora devi essere rabbioso nel non prendere gol, poi puoi pensare a mettere a posto le cose. Questa sera è la prima volta in cui non siamo stati rabbiosi, è quello che ‘marca’ il match. È vero che eravamo concentrati, stavamo in partita, ma abbiamo regalato 30 minuti al Parma”.

Dopo la vittoria contro l’Udinese sono arrivate tre sconfitte (contando la Coppa Italia), avrebbe potuto essere la partita della svolta, invece è subentrato un calo caratteriale: “Abbiamo sbagliato gli ultimi 15-20 minuti col Cagliari – prova a spiegare Ranieri – per la troppa voglia di fare gol, non abbiamo avuto la serenità di pensare che 3-3 potesse andare bene, così questa sera ho detto ai ragazzi di stare ben concetrati, determinati, di far girar palla velocemente trovare le punte, invece quest’ultima fase non è riuscita perché tornavamo indietro. Il Parma non fatto grandi cose, ma ha avuto una spinta in più proprio indotta dal nostro gioco”.

L’allenatore corre ai ripari: “Dobbiamo ricalarci nella parte della squadra che lotta con le unghie e con i denti”. È convinto che quello di sabato non sarà il derby della paura: “I derby si caricano da soli, i cugini saranno motivati dalla gente (il Genoa gioca in casa ndr), mi aspetto una gara gagliarda, volitiva, piena di determinazione”.

Sui cambi: “Ho visto Ramirez non nelle sue solite giornate e allora, per allargare il gioco, l’unico giocatore che avevo a disposizione era Leris”.

Sull’errore di Quagliarella e i possibili strascichi: “Non è un giovane che deve scoprire il domani, sarà super dispiaciuto, avrà tanta voglia di far bene nel derby”.