Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Pieve e Atletico volano, ma in testa resta l’Apparizione risultati

Giornata di goleade, ma la classifica resta molto corta in testa

Turno molto divertente e ricco di gol in Seconda categoria girone C. Reparti offensivi delle prime della classe estremamente ispirati per il campionato che fa cifra tonda alla sua decima giornata. Comanda l’Apparizione che se la deve vedere con un Vecchio Castagna rivitalizzato e pronto a svolgere un ruolo da protagonista nella corsa alla promozione. In avvio le squadre si studiano, poi il primo botta e risposta con Miggiano che sfiora il palo al 20° e Zanardi che da posizione defilata calcia sull’esterno della rete. Al 26° i gialloblù colpiscono una traversa con Iencinella la cui punizione si stampa sul legno.  Al 40° l’Apparizione trova il gol con Bojang, ma l’arbitro annulla per la posizione irregolare del capocannoniere del torneo.

Si rientra in campo sullo 0-0 dopo l’intervallo con le squadre che sembrano volersi coprire più che spingere. Tutto cambia intorno all’ora di gioco quando Bojang prende per mano i suoi. Al 62° scatta sul filo del fuorigioco e batte il portiere in uscita sbloccando il parziale. Passano due minuti ed arriva il raddoppio con un’azione fotocopia: palla in profondità, scatto dell’attaccante e doppietta. Il Vecchio Castagna accusa il colpo e vacilla, la capolista fiuta il sangue ed all’87° cala il tris con Faraò che prende palla, salta un difensore e va via in solitaria superando l’estremo difensore con un pallonetto.

I gialloblù non mollano e due minuti dopo trovano un gol meritato con una punizione di Russo. Sembra tutto finito, ma una palla messa in area dell’Apparizione viene deviata da Bonica nella sua porta. I gialloblù chiudono all’assalto, ma il minimo vantaggio ospite regge e l’Apparizione mantiene il primo posto.

Vola l’Atletico Genova che si conferma al terzo posto calando un punteggio da tennis al Borgo Incrociati. Dopo un avvio lento, al 33° Ieraci scatta in verticale ben servito e batte Olguin. Al 45° il Borgo resta in dieci per due gialli a rapida successione a Serpe. Nella ripresa arriva subito il raddoppio dei rossoblù con Greco che riceve dalla fascia, controlla e batte a rete per il 2-0. Ancora Greco è letale al 62° quando alza la testa dal limite e la mette sotto l’incrocio dei pali. Partita chiusa, ma non nel punteggio.

Al 68° il Borgo resta addirittura in 9 per il rosso da Dessi. L’Atletico rallenta, si distrae e viene punito dal colpo di testa di Ivaldi che incredibilmente accorcia al 73°. Fortunatamente e per i rossoblù la reazione è immediata e Burgio al 75° allunga di nuovo. Due giri di lancette dopo Greco firma la tripletta portandosi a casa la sfera. Nel finale prova d’orgoglio dei giallorossoneri con Prestanizzi che accorcia, ma Burgio la chiude al 90° con il 6-2 finale. Gioco, set, incontro Atletico Genova.

È una vittoria netta anche per il Lido Square, seconda ad un punto dalla prima, che piazza un poker al già derelitto, penalizzato dal Giudice Sportivo per avere fatto entrare un giocatore non tesserato.

Partita che si indirizza quasi subito con il calcio di rigore assegnato al Lido e trasformato da Rossi, ma il Begato riesce a reagire ed al 45° pareggia con Mazzotta. Durante la ripresa la gara resta in equilibrio, ed è la panchina a fare la differenza fra le squadre. È infatti il neo entrato Hasa a rimettere davanti i biancoblù al 60°. Minimo vantaggio che rimane fino alla fine quando il Lido la chiude sfruttando i varchi formatisi con gli ospiti protesi alla ricerca del pari e allora ecco Ndiaye e Rossi chiuderla nel recupero.

Vola il Pieve Ligure che resta in scia e pronta a scalzare il primo posto agli altri. Contro il Montoggio non c’è storia, i valligiani non entrato praticamente mai in partita. Dopo 7’ Piovesan la sblocca già con la complicità della difesa del Montoggio che perde una palla sanguinosa e consente al bomber giallorossoblù di portare in vantaggio i suoi. Reazione immediata del Montoggio che sfiora il pari con Delucchi che anticipa il portiere in uscita, ma il suo tiro viene respinto sulla linea.

Al 20° raddoppiano i locali con un calcio di rigore di Ruiz. Il Pieve si difende con ordine e riparte in velocità sfruttando la velocità dei propri esterni. Al 38° Diawara scappa in contropiede e chiude la partita con il 3-0. Nel secondo tempo ci si aspetta almeno una reazione d’orgoglio del Montoggio, invece dopo quattro minuti ecco il poker firmato Filippone. È una gestione da parte del Pieve che fa scorrere il tempo con l’ampio vantaggio. Al 75° arriva anche il quinto gol di Zirulia. Gli ospiti hanno un sussulto poco dopo con Morando che accorcia le distanze, ma Diawara ancora rimette le distanze. All’85° il Montoggio prima sbaglia un rigore con Morando, poi trova il gol con Sciutto. C’è tempo per la doppietta di Zirulia ed il definitivo, nonché pesantissimo 7-2.

Punti pesanti per il Crocefieschi che trova la seconda vittoria stagionale nello scontro diretto contro il Ravecca ultimo e ancora alla ricerca della prima gioia. I blucelesti subiscono un avvio sprint del Ravecca che va in vantaggio al quarto d’ora con Martini e sfiorano il raddoppio con Codevilla che spreca un’ottima occasione. Partita che poi resta bloccata fino all’ora di gioco quando Mignacco pareggia i conti, ma al 73° Lapina viene espulso e per il Crocefieschi sembra una gara in salita. Come spesso accade, le squadre giocano quasi meglio in dieci e Sbardellati castiga Tripodi per il ribaltone. Partita che resta molto viva perché il Ravecca non ci sta e al 77° pareggia con Barone. Sembra un risultato destinato a mandare le squadre negli spogliatoi e invece proprio al 90° il guizzo del numero 10 Pistoia regala i tre punti al Crocefieschi che può respirare.

Buona prestazione per il Davagna e regola 3-0 il Cornigliano e allunga sulla zona salvezza, lasciando invece i neroverdi fermi sull’orlo del baratro. Apre Alfano al 25° per il vantaggio con cui si va al riposo, poi, nella ripresa Ghigo sale in cattedra con la doppietta, al 58° e 72° che spegne le speranze neroverdi e fa sognare i biancorossi. Infine trova una boccata d’ossigeno anche il Voltri che va ad imporsi a Bavari e fa un passo in avanti non da poco in classifica. Biancoblù avanti a l7° con Hrustic che buca Leone. Al 46° la doppietta dell’attaccante Voltrese mette in ghiaccio il parziale che infatti giunge fino ai minuti finali invariato, quando all’85° Aufiero trova anche il tris. Solo per le statistiche il gol di Luciani al 90°.