Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Paura a Borgoratti, va a dormire e lascia aperto il gas: “Potevamo saltare tutti in aria”

Il racconto di una cantante israeliana che ha 'salvato' gli altri condomini: "Sarebbe bastato accendere la luce, poteva essere un disastro"

Più informazioni su

Genova. Un uomo va dormire e si dimentica il fornello acceso, un’inquilina rincasa all’una e salva i condomini da una possibile tragedia. È successo due notti fa in un palazzo di dieci piani in via Posalunga, nel quartiere di Borgoratti. A raccontarlo è proprio la giovane che ha lanciato l’allarme, Nofar Yacobi, soprano 29enne di origine israeliana che in questo periodo soggiorna a Genova per lavoro.

“Sono rientrata intorno all’una di notte – ci ha spiegato – e lungo le scale ho sentito un fortissimo odore di gas fino all’ultimo piano. Io abito al sesto, ma mi sono resa conto che qualcosa non andava. Ho capito che la perdita era al quarto, ho avvisato i vicini e insieme abbiamo deciso di chiamare i pompieri”. I vigili del fuoco sono entrati al civico 46A e con uno speciale strumento elettronico hanno individuato l’appartamento da cui partiva la fuga di gas. L’uomo, svegliato dal campanello, ha aperto la porta e se l’è cavata con una lunga ramanzina.

L’intervento tempestivo di Nofar ha evitato conseguenze peggiori. “I vigili del fuoco ci hanno detto che sarebbe bastato accendere la luce dopo qualche ora e sarebbe esploso tutto”, continua la cantante ancora sotto choc per il rischio corso. Una storia a lieto fine che insegna quanto siano pericolose le piccole distrazioni domestiche e quanto sia importante allertare i soccorsi in tempi rapidi, senza preoccuparsi dell’orario.