Morì precipitando dalla Jolly Titanio, per Olmetti la procura chiede due anni e quattro mesi - Genova 24
Omicidio colposo

Morì precipitando dalla Jolly Titanio, per Olmetti la procura chiede due anni e quattro mesi

Mario Sannino, 57 anni, era precipitato mentre ammainava senza imbragatura la scala reale della portacontainer

Generica

Genova. La procura di Genova ha chiesto una condanna a due anni e quattro mesi di reclusione per Giampaolo Olmetti, comandante d’armamento della Compagnia Messina (assolto in primo grado per il crollo della torre Piloti) per la morte di un marinaio precipitato due anni fa dalla Jolly Titanio.

La vittima, Mario Sannino, 57enne di Torre del Greco, era annegato quando la portacontainer aveva appena lasciato il porto di Castellon de la Plana, vicino a Valencia ammainando la “scala reale” della nave senza imbragatura. Per il comandante Francesco Scotto di Fasano è stato chiesto un anno e mezzo di reclusione.

L’accusa è di omicidio colposo commesso, aveva sottolineato il gip nel rinvio a giudizio per “negligenza, imprudenza, imperizia e in violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro”. In sede civile la compagnia Messina ha già risarcito la famiglia della vittima.

Più informazioni