Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lavagnese: una vittoria confortante. Ligorna ottima gara, ma beffa e rabbia nel finale risultati

I bianconeri espugnano Borgosesia e ritrovano fiducia. Genovesi che dominano, ma vengono raggiunti da un rigore contestato all’ultimo minuto

Che siano un augurio di buon auspicio le prestazioni di Lavagnese e Ligorna che vanno entrambe a punti, sebbene i genovesi sicuramente avrebbero meritato la posta piena. Mercato che si muove sia per i biancoblù che per i bianconeri e che deve necessariamente dare una scossa a due squadre che hanno raccolto poco, anche se i genovesi hanno dimostrato di saper fare qualcosa di più.

La squadra dello squalificato Monteforte ospitava il Fossano con un giovanissimo Atzori in porta (classe 2003) e con i nuovi acquisti Castellano è Lala tornato dopo la stagione da protagonista nello scorso campionato. La partenza è di quelle sprint perché Monteforte ha voluto una squadra giovane e vogliosa di incidere contro tutti. Al 4° Pondaco pesca Vallerga in area che di testa gira bene e sblocca subito la partita. Il Fossano reagisce e al 18° pareggia con Boloca a cui viene lasciato troppo spazio al limite dell’area per calciare e siglando il pari. I genovesi non ci stanno e al 39° tornano avanti con Mitta. Per tutta la ripresa la gara è condotta dai locali che non rischiano quasi nulla poi all’ultimo minuti l’episodio che fa arrabbiare tutti a Genova. Ferrante entra duro su Sangare, ma pare prendere nettamente la sfera prima di travolgere l’attaccante. Per l’arbitro ci sono gli estremi per il rigore con seguente rosso al difensore, e dal dischetto Romani è freddo nel battere il giovanissimo Atzori bravo per tutta la gara, incolpevole sui gol. 

L’ultima uscita del 2019 regala finalmente un sorriso alla Lavagnese che vince a Borgosesia e lascia l’ultimo posto solitario, agganciando il Vado e accorciando sulle altre squadre impegnate nella lotta alla salvezza. Anche in Piemonte non occorre aspettare molto per vedere gonfiarsi la rete. È il 10° quando Basso entra in area elude l’intervento di Renolfi che lo stende nettamente. Rigore che viene calciato dal nuovo arrivo Tripoli che non sbaglia e firma il gol del vantaggio. Al quarto d’ora arriva la reazione dei locali con Bigotto, il cuo tiro viene bloccato da Scatolini. 

Nel resto del primo tempo non succede praticamente più nulla. Nel secondo tempo la Lavagnese entra bene in campo e puntuale arriva il raddoppio ligure con Tripoli protagonista ancora di una bella discesa sulla fascia e di un assist per Edoardo Oneto che da ottima posizione non bada allo stile ma buca ancora il portiere. Con il doppio vantaggio i bianconeri abbassano i ritmi, tengono le sfuriate granata, ma un tocco di mano di Casagrande in area consente ai locali di tornare in partita. Rigore trasformato da Ravasi e gara riaperta. Tuttavia è brava finalmente la Lavagnese a restare compatta e a non lasciarsi infilare dalle trame del Borgosesia che non riesce a sfondare. Unico neo il rosso a Casagrande per un secondo fallo (speso comunque bene su una ripartenza piemontese) che costa la squalifica al difensore bianconero. Ma sicuramente questo risultato consente alla Lavagnese di ripartire con un altro piglio nell’anno nuovo.