Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

L’Apparizione “asfalta” il Bavari e conserva il primato risultati

I bianconerazzurri trascinati da un Bojang straripante tengono il minimo vantaggio sulle inseguitrici. Sospesa Cornigliano - Lido Square

Nono turno per la Seconda categoria Girone C, un turno che vedeva fra i match più interessanti il derby fra Apparizione e Bavari. Un confronto che metteva di fronte una delle migliori contro una delle squadre che invece non ha ancora trovato la gioia della vittoria pur collezionando ben 5 pareggi.

La differenza di organico si è palesata in modo evidente soprattuto grazie ad un reparto offensivo dell’Apparizione in condizioni esaltanti. Vola letteralmente Bojang che firma 4 reti ed è capocannoniere del torneo con 13 reti complessive. Al 15° l’attaccante africano trasforma un calcio di rigore per un fallo di mano in area del Bavari. Cinque minuti dopo ruba palla, salta il portiere e infila il raddoppio. Passano due giri di orologio ed è rapace a ribadire una respinta di Camogliano su tiro di Ippolito per il 3-0 che chiude già la gara. Al 32° dilagano i locali con il primo gol stagionale di Ippolito: un tiro preciso che va nell’angolino basso. Nella ripresa la gara è sempre nelle mani dell’Apparizione. Bojang, sempre lui, colpisce prima un palo, poi al 75° cala il poker personale. Due minuti dopo arriva il sesto ed ultimo gol, per “fortuna” del Bavari che sostanzialmente si è preso una giornata di vacanza.

Con l’Apparizione che vince, il Lido Square dovrà completare la propria gara con il Cornigliano visto che il direttore di gara sospende l’incrontro dopo un tempo con il Lido avanti 0-1 grazie a Daniel Rossi.Ne approfitta il Vecchio Castagna che supera il Begato a domicilio. La sblocca Miggiano su calcio di punizione al 17°. Il Begato prova subito a rispondere, ma il tiro di Franceschini trova l’opposizione della traversa. In avvio di secondo tempo, al 56° Miggiano trova la doppietta personale scattando in profondità, dribbling sul portiere e 0-2. Se l’attaccante gialloblù gioisce per la doppietta, non può fare altrettanto Franceschini che fa doppietta “di pali” il secondo arriva al 60°. La rete dei locali arriverà, ma solamente al 95° con Coppola, troppo tardi per rimontare.

Bel passo avanti del Borgo Incrociati che batte il Crocefieschi e allunga sulla zona playout. Partita che si anima subito con un pasticcio difensivo di Podrecca che consente a Barbieri di portare in vantaggio il Borgo dopo soli 4’. Lo stesso Barbieri, in giornata di grazia, risolve una mischia al 18° mettendo quindi al sicuro il parziale per i locali. Gara che sembra chiudersi al 23° quando Prestanizzi trova il tris sugli sviluppi di un corner. La reazione del Crocefieschi arriva, però e quattro minuti dopo Pistoia soprende Olguin con un tiro teso riaprendo la gara. Nella ripresa il Crocefieschi riesce anche a riavvicinarsi con il 3-2 di Traverso, ma da qui il Borgo si chiude a riccio e difende con le unghie il minimo vantaggio.

Non sbaglia il Pieve Ligure che cala il poker sul fanalino di coda Ravecca e si porta al quinto posto. Inizia male la gara per il Pieve, però che sbaglia subito un rigore con Piovesan, ipnotizzato da Tripodi. Al 20°, però Diawara riesce a battere l’estremo difensore biancoblù. Il Ravecca accusa il colpo ed invece di reagire incassa il raddoppio di Filippone al 27°. L’attaccante ospite firma la doppietta dello 0-3 al 66° chiudendo di fatto la contesa. Al 71° Piovesan si fa perdonare con un gran tiro per il poker pievese. Inutile il gol di Chiappori nel finale.

In piena lotta per il primato c’è anche l’Atletico Genova che vince in trasferta sul Voltri 87. Cagnoli porta in vantaggio i rossoblù dopo dieci minuti, ma in avvio di ripresa Romero la rimette in parità. Sarà decisiva la panchina per l’Atletico perché è il neo entrato Petrarca che trova la zampata nel finale. 

Punti salvezza invece fra Montoggio e Davagna in una partita decisa solo nei minuti di recupero. Le squadre si equivalgono per tutto il primo tempo creando poche emozioni al pubblico presente, poi due lampi a breve distanza. Al 63° Nardo porta in vantaggio i biancorossi, ma appena 4’ Sabri Anas ristabilisce la parità. La rete decisiva arriverà al 93° con Nicosia che in rovesciata fa esplodere il pubblico ospite e consegna i tre punti al Davagna che si stacca dalle zone pericolose della classifica.