Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Junior TIM Cup è tornata allo stadio di Marassi foto

I ragazzi della Parrocchia di San Desiderio di Genova e della Parrocchia di Sant’Andrea di Rovereto di Chiavari si sono affrontati prima di Genoa-Sampdoria

Genova. Anche quest’anno i sedici grandi stadi della Serie A ospitano le squadre Under 14 della Junior TIM Cup che disputano un incontro nel pre-gara di una partita di campionato.

Dopo Firenze è stata la volta di Genova, con un appuntamento davvero prestigioso. I ragazzi della Parrocchia di San Desiderio di Genova e della Parrocchia di Sant’Andrea di Rovereto di Chiavari infatti hanno disputato un’amichevole prima del 119° derby della Lanterna Genoa-Sampdoria.

11 a 2 per i chiavaresi il risultato finale: la cosa meno importante di una splendida serata, il cui ricordo i ragazzi conserveranno per tutta la vita.

Ricorderanno di aver giocato a Marassi, di sera, con la luce artificiale, mentre lo stadio si riempiva di migliaia di persone, accanto ai loro beniamini che da bordo campo assistevano alla partita. Occasioni in cui anche calciatori professionisti tornano per qualche minuto bambini, ripensando alle loro aspettative, alle loro ingenuità, ai loro sogni di quando, in oratorio, correvano dietro ad un pallone.

A dare simbolicamente il calcio d’inizio è stato monsignor Nicolò Anselmi, vescovo ausiliare di Genova, grande appassionato di sport.

I ragazzi hanno successivamente assistito alla fase finale del riscaldamento dei calciatori rossoblucerchiati. I capitani delle squadre dei due oratori hanno omaggiato Criscito del Genoa e Quagliarella della Sampdoria con il gagliardetto ufficiale della Junior TIM Cup.

La manifestazione nelle sette edizioni precedenti ha coinvolto 5.378 oratori su tutto il territorio nazionale e circa 77.000 ragazzi protagonisti di oltre 31.000 partite. Accanto alla manifestazione sportiva sono stati affiancati vari percorsi educativi sui temi del cyberbullismo e del benessere digitale ed è stata lanciata l’iniziativa Campioni nella Vita.

I ragazzi dell’Oratorio San Giuseppe di Cairo Montenotte, terzi l’anno scorso alle finali nazionali di Coverciano, hanno vinto il primo premio con un video che mostrava le loro molteplici attività, dalle partite di calcio, alla distribuzione di pasti con la Caritas, all’impegno civile di ripulitura di spazi verdi urbani.

Grazie ai fondi raccolti con parte delle sanzioni comminate dal giudice dportivo della Lega di Serie A ai tesserati la Junior TIM Cup ha donato cinque Campi dell’Amicizia a realtà disagiate a Genova, Napoli, Cagliari, Palermo e Milano.

Un comitato di garanzia stabilisce l’assegnazione delle risorse sul territorio anche per sostenere progetti dall’alto valore educativo che riguardano la formazione di educatori-allenatori, il supporto a squadre giovanili, la distribuzione di materiale sportivo.

Le iscrizioni per la fase di Genova della Junior TIM Cup sono state prorogate fino al 12 gennaio. Entro marzo si completerà con partite di calcio a sette o calcio a cinque la fase provinciale: le finali regionali si svolgeranno come di consueto sui campi del villaggio sportivo diocesano di San Desiderio.