Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Sestri soffre ma supera il Baiardo. Busalla: ancora un pareggio risultati

Rossoblù che viaggiano a braccetto con l’Albenga. Sprofonda il Molassana schiacciato dal Pietra

Nonostante il periodo dell’anno, l’Eccellenza  vive un momento caldissimo, soprattutto nelle sue zone “nobili” con tre squadre a contendersi il primo posto ed almeno un paio che sembrano poter dire la loro da qui alla fine della stagione. Dopo il recupero infrasettimanale che è valso l’aggancio in vetta dell’Albenga, gli ingauni non sbagliano l’appuntamento con l’Athletic Liberi, penultima in classifica e cala un netto 3-0. 

Subito avanti i bianconeri con Anselmo che firma l’1-0 dopo 4’. Partita che si stabilizza poi con l’Athletic che non molla, conscio di dover fare punti spinge, ma non riesce a scalfire la linea difensiva albenganese che poi colpisce e chiude la contesa nel finale di gara. Al 79° De Simone in infilata batte Bartoletti che capitola ancora due minuti dopo su Figone che chiude la gara.

Pià complicata la vittoria del Sestri Levante che a Genova sfidava il Baiardo. Partono bene i corsari che al 7° sono già in vantaggio con Croci che da vero bomber svetta in area su cross di Cirrincione la mette alle spalle di Gaione. Il Baiardo prova le replica, ma Briozzo spreca tutto da ottima posizione. I neroverdi prendono campo e spingono a tutta constringendo il Sestri a chiudersi. Al 37° Olivieri penetra, Del Nero lo affronta, ma lo atterra. È rigore che Battaglia trasforma per il pareggio.

Nel secondo tempo le squadre continuano ad affrontarsi a viso aperto, ma dopo una partenza incoraggiante del Baiardo è il Sestri a pungere: al 59° Selvatico prende palla al limite mira la porta e poi la mette rasoterra tesa dove non può arrivare il portiere. Neanche il tempo di dirlo e il Baiardo è già in fase d’attacco con Oliviero che da oltre 25 metri lascia partire un tiro clamoroso che si infila sotto l’incrocio. Nulla da fare per Confortini. Il pareggio sarebbe giusto, ma i rossoblù non ci stanno e al 75° Croci approfitta dell’esitazione della difesa ospite, per riceve, mirare e metterla fra palo e portiere per il definitivo 2-3. 

Vittoria anche per l’Imperia che con una gara in meno è a -3 dalla coppia di testa. Derby per i nerazzurri che a Ospedaletti la chiudono in mezzora. Donaggio è grande protagonista di giornata con la doppietta fra il 12° ed il 26° che mette subito in discesa le cose. Al 33° Martelli cala il tris, ma gli arancioneri tornano a sperare grazie a Foti che al 40° accorcia le distanze. L’Ospedaletti rientra fiducioso al 50° ritorna anche in gara con Espinal, ma l’Imperia dimostra di poter stare nelle prime posizioni: contiene la sfuriata avversaria e al 70° chiude i conti ancora Donaggio per la tripletta personale.

Secondo pari per il Busalla che d’altronde affrontava la squadra più esperta del campionato nel segno “X”: la Cairese. Per sbloccarla ci vuole un tiro clamorosamente bello di Federico Moretti che su punizione la fa scendere alla grande e firma il gol dello 0-1 al 15°. Ancora un tiro piazzato è decisivomper la Cairese che al 25° allunga su rigore con Saviozzi. 

Il Busalla ha imparato dalle rimonte subite e la riapre subito con l’altro Moretti, Fabio che dal limite calcia preciso fra palo e portiere. Il Busalla spinge per tutto il resto del primo tempo, ma rischia anche molto con un tiro di Pastorino che viene salvato sulla linea da Iraci. In avvio di secondo tempo Cotellessa viene atterrato in area di rigore. Si incarica del tiro Compagnone che come spesso accade è una sentenza. Il punteggio non cambierà più anche se Iraci sarà espulso (periodo nero per i busallesi da questo punto di vista).

Un punto a testa fra Finale e Campomorone con i giallorossi che muovono una classifica che resta comunque complicata, anche alla luce degli altri risultati. Curabba firma la presenza con la solita gara concreta e il gol che al 43° porta avanti i biancoblù. Pari che arriva dalla panchina con Cavallone che al 78° riacciuffa l’equilibrio per l’1-1. 

Vola il Pietra Ligure che si regala una goleada su un Molassana sempre più ultimo e disperato. 7-0 il finale di gara con doppiette per Rovere, Gaggero e Zunino e la rete di Baracco. Decisivo soprattutto i primi venti minuti della ripresa durante i quali arrivano quattro reti in fila. Pietra che trova ossigeno e un po’ di ottimismo, nonostante una classifica non esaltante. 

Punto ottimo per il Rapallo che ferma il Rivasamba nel derby del levante. I sestrini cercavano punti per restare vicini alla vetta e in effetti Ivaldi sembrava averglieli già messi via con una doppietta  maturata al 6° e al 56°. Da qui gli arancioneri decidono di smettere di giocare e si chiudono. Così Menini la riapre al 65°, poi all’83° non trovando sbocchi su azione, occorre una punizione di Bertuccelli per impattare il risultato. 

Un punto importante come detto anche perché delle squadre impegnate nella lotta salvezza solo il Pietra fa bottino pieno. Cade anche l’Alassio travolto dalla Genova Calcio di un Ilardo in giornata di grazia. Rete lampo al 2°, raddoppio su rigore al 43° e tris al 47° per un 3-0 che lascia i gialloneri al terzultimo posto.