Quantcast
Attesa

Gronda, nuovo ponte e revoca concessione ad Aspi: la decisione entro gennaio

varo impalcato ponte genova

Genova. Se il ministro alle Infrastrutture Paola De Micheli non ha risposto ai cronisti che hanno chiesto chi gestirà la Gronda, glissando quindi sulla risoluzione o meno del contratto con Autostrade sulla gestione della rete, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha spiegato che “il Governo conta di aver risolto in un modo o nell’altro il contenzioso con Autostrade entro i prossimi 30 giorni e dunque avere anche l’ente attuatore. Attendiamo di conoscere – ha aggiunto il governatore – chi coprirà un’opera che dopo il Terzo Valico è la più grande in Liguria e direi anche in Italia.

Il commissario alla ricostruzione Marco Bucci ha sollevato lo stesso tempo a proposito della gestione del nuovo ponte di Genova. “Anche se sembra che siamo leggermente in ritardo, il ponte sarà pronto presto e bisogna che il commissario sappia a chi consegnarlo una volta finiti i lavori” ha detto Bucci.

“Ho anticipato la problematica su chi gestirà il nuovo ponte che dovrebbe essere risolta nel mese di gennaio – ha aggiunto il sindaco – perché è opportuno che chi lo gestirà inizi a lavorare fin da subito con i tecnici perché è fondamentale per la manutenzione del ponte”.

leggi anche
Generica
Il retroscena
Gronda sì, ma un po’ alla volta: ecco la strategia alla base della tregua armata Pd-M5s
Generica
Ipotesi
“Una Gronda alternativa in soli sei anni”, il sogno che stuzzica la fantasia del Pd