Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Giardini di Plastica, al via il restyling: telecamere e cancelli all’ingresso ma anche un’area cani e un nuovo sentiero

Il costo complessivo è di € 395 mila euro tra 2019 e 2020

Più informazioni su

Genova. Meglio conosciuti come “giardini di plastica”, i Giardini Baltimora, nell’area dell’ex via Madre di Dio, tra le Mura del Barbarossa e il palazzo della Regione Liguria, sono stati oggetto di una delibera di Giunta che prevede il loro completo restyling.

Ad essere approvato, su proposta degli assessori Simonetta Cenci, Stefano Garassino e Pietro Piciocchi, è il progetto definitivo di “Messa in sicurezza e riqualificazione dei Giardini Baltimora” – in attuazione al Decreto Sicurezza trasformato in L.132/2018 – che ha lo scopo di rendere l’area più accessibile e fruibile per tutti, tenendo conto anche di quegli elementi di coesione sociale, inclusione e sicurezza, fondamentali in un progetto sostenibile.

“Attraverso una pianificazione urbanistica innovativa e intelligente – dichiara l’assessore all’urbanistica Simonetta Cenci – si cerca di rispondere alle esigenze dei cittadini con una distribuzione omogenea dei servizi pubblici e una valorizzazione attenta al tessuto urbano. Questo progetto è stato possibile grazie ad una costante azione di collaborazione, mettendo a fattor comune le buone idee, le capacità tecniche e il reperimento dei fondi che renderanno possibile la realizzazione dell’opera”.

Le aree d’intervento, situate nel pieno centro di Genova, sono dotate di grande potenzialità per quanto riguarda la socializzazione e l’aggregazione. Le superfici pedonali, attraversate dagli utenti per raggiungere i diversi uffici pubblici, sono in stato di degrado a causa della tipologia del porticato che crea poca visibilità e favorisce situazioni di vita marginali, spesso al di fuori della legalità. Nasce quindi la volontà e la necessità di valorizzare l’area, apportando migliorie in termini di riqualificazione urbana sostenibile e promuovendo la collocazione di servizi d’interesse pubblico e di richiamo al suo interno, coadiuvati da impianti di videosorveglianza e di illuminazione a garanzia della tutela e della sicurezza dei fruitori.

“Grazie a questo piano di riqualificazione – precisa l’assessore alla sicurezza urbana Stefano Garassino – attuato con i fondi specifici dedicati al potenziamento della sicurezza urbana, approvati dallo scorso governo con il ministro Salvini, riusciremo a dare dignità a questi giardini che torneranno fruibili a tutti i cittadini”.

Nello specifico per l’area di intervento per quanto riguarda il tema della sicurezza si è prevista la realizzazione di un tamponamento di un tratto significativo del porticato con vetrate in armonia con l’architettura dell’edificio. Ciò permetterà di ricavare locali accessibili a tutti, che verranno successivamente concessi, attraverso un Bando, a privati che gestiscano l’attività di servizio pubblico, da individuare.

Prevista anche l’installazione di 10 telecamere di videosorveglianza e 8 cancelli collocati nei punti di accesso.

“L’Amministrazione è attiva a 360 gradi, sia per quanto riguarda le piccole manutenzioni, sia sul versante importantissimo della riqualificazione urbana di ampie zone della città – sostiene l’assessore ai lavori pubblici Pietro Piciocchi -. Il nostro scopo è creare, in un’area attualmente in difficoltà sotto il profilo del decoro, punti di interesse che agiscano da attrattiva sia per chi lavora all’interno sia per i cittadini del Centro Storico, anche attraverso il miglioramento dei collegamenti interni”.

La riqualificazione si attua attraverso:

– il rinnovo dell’area giochi, con inserimento di giochi inclusivi;

– lo sfalcio e la potatura del verde, finalizzato all’eliminazione di parti inaccessibili alla vista;

– la realizzazione di un’area cani;

– la realizzazione di un nuovo sentiero;

– la pulizia di alcuni tratti murari;

– l’integrazione, ove necessario, di segnalamenti LOGES per i portatori di handicap.

Il costo complessivo è di € 395.000, di cui il primo stralcio per l’anno 2019 di € 165.100 – il secondo stralcio per l’anno 2020 di € 229.900.