Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fratelli d’Italia non firma per intitolare l’aula a Sandro Pertini, polemica in Regione: “E Toti che fa?”

Dopo l'appello dell'Anpi salta l'approvazione immediata del provvedimento, Pd e Linea Condivisa: "Sconcertati"

Genova. Dopo Fabrizio Quattrocchi tocca a Sandro Pertini. Anche sull’ex presidente della Repubblica, figura chiave della Resistenza, è scoppiata la polemica. “Il capogruppo di Fratelli d’Italia Sartori, ieri mattina, non ha voluto firmare l’ordine del giorno presentato dai gruppi consiliari del Partito Democratico e di Linea Condivisa – e firmato anche da Italia Viva, dal Movimento 5 Stelle, dal Gruppo Misto e da Liguria Popolare – che chiedeva di intitolare l’aula del Consiglio regionale ligure a Sandro Pertini“, denunciano i capigruppo di Pd e Linea Condivisa Lunardon e Pastorino.

Trattandosi di un ordine del giorno “fuori sacco” e quindi non inserito nei lavori dell’aula aveva bisogno di ottenere il via libera di tutti i partiti per essere messo in votazione e approvato immediatamente, ma venendo a mancare l’unanimità il documento verrà calendarizzato nelle prossime settimane.

“Siamo sconcertati dal comportamento di Fratelli d’Italia, soprattutto dopo che il presidente Toti aveva risposto positivamente all’appello lanciato alcuni giorni fa dal coordinatore regionale dell’Anpi ligure Massimo Bisca, che, con una lettera aperta, aveva lanciato per primo l’idea di intitolare all’ex presidente della Repubblica e partigiano Pertini l’aula del Consiglio ligure”, attacca il centrosinistra.

“A questo punto vorremmo capire cosa intenda fare il presidente Toti, che si dipinge come un liberale. Fu lui a citare Pertini il giorno del suo insediamento in Regione e, come detto, solo pochi giorni fa rispose con entusiasmo alla proposta dell’Anpi. È cambiato qualcosa? Sarebbe importante che l’intitolazione della sala del Consiglio regionale a Sandro Pertini fosse votata all’unanimità da tutti i consiglieri e che non passasse semplicemente a maggioranza. Una figura così importante per la storia del nostro Paese non merita questo trattamento”, conclude la nota.

“Rimango stupito dall’attacco, rivolto a Fratelli d’Italia, da parte del Partito Democratico e della sinistra – è la replica di Sartori – Forse si son dimenticati dei 10 anni che han passato al governo in Liguria con Burlando? Inoltre, non mi pare che in questi 4 anni, come opposizione abbiano mai provato ad intitolare la sala consiliare a Sandro Pertini, ma guarda caso con l’avvicinarsi delle elezioni si svegliano ed utilizzino la figura dell’unico presidente espressione della nostra terra in modo propagandistico. Sono quindi io ad essere sconcertato, essendo entrato solo 4 mesi fa in consiglio regionale, a differenza dei proponenti che occupano quei banchi dall’inizio della legislatura”.

“Faccio inoltre notare che anche i capigruppo di Lega e Forza Italia non hanno firmato questo ordine del giorno, forse Fratelli d’Italia in forte crescita inizia a spaventare qualcuno. Infine, non firmare un ordine del giorno non vuol dire poi, eventualmente, non votarlo in aula: evidentemente la voglia di polemica pretestuosa e sterile ha prevalso per l’ennesima volta”, conclude il capogruppo di Fratelli d’Italia.