Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Corniglianese: vittoria in extremis. La Rossiglionese tiene il passo risultati

Neroverdi che prevalgono solo nel finale su un coriaceo Mele. Si muove la classifica anche nelle zone basse

Scendono in campo per il nono turno (anche se in realtà si tratta della 10^ giornata secondo calendario) le squadre del campionato di Seconda categoria Girone D, dove a comandare è ancora la Corniglianese, visto che la Rossiglionese dovrà recuperare anche la gara contro il Mele. 

Proprio il Mele era ospite dei neroverdi in una gara che avrebbe potuto riaprire tutto, ma alla fine la squadra di casa ha saputo imporsi confermando un ottimo stato di salute. Vantaggio che giunge già al 14° per la Corniglianese con Domi. Passano dieci minuti e la pareggia Parodi in proiezione offensiva, con un colpo di testa che non lascia scampo a Cavallino. 

Si torna in campo in parità ed il Mele si fa pericoloso con Valente e poi con Carnovale, ma la difesa locale si difende bene. Col passare dei minuti si invertono i ruoli e cala il volume di gioco gialloblù così esce fuori la Corniglianese, ma la gara non si sblocca. Ci vuole un episodio per cambiare la gara perché Carretta inventa una punizione in pieno recupero che riporta avanti i locali che poi restano in dieci (doppio giallo a Ferraro), ma addirittura trovano il terzo gol con Costantino con il Mele tutto proteso in cerca di quello che sarebbe stato tutto sommato un pari giusto.

Una sola rete per la Rossiglionese consente ai bianconeri di imporsi sulla Genovese Boccadasse e restare in scia dei rivali in vetta. Dopo un primo tempo giocato a fatica su un campo molto pesante, con poche occasioni, la sblocca Minetti ad un quarto d’ora dalla fine. 

Il ko del Mele consente al Pontecarrega di rientrare in zona playoff. I biancorossi infatti hanno vinto 3-2 sul Masone che invece non riesce a dare continuità ai propri risultati e resta risucchiato nel vortice delle squadre in lotta per la salvezza. Pontecarrega subito avanti dopo otto minuti con Salvini, ma i valligiani rispondo al 14° con Mirko Pastorino. In avvio di secondo tempo cambia la gara perché il Masone resta in dieci per il rosso a Carlini, ma come avviene spesso alcune squadre prendono più coraggio dalle avversità e gli ospiti ribaltano il parziale con Lorenzo Macciò. Il secondo episodio è l’entrata in campo di Lutero che al 66° infila Bruzzone e fa 2-2. Da qui il Ponte spinge e costringe il Masone a difendersi. All’80° Salvini trova il varco giusto e regala la vittoria ai suoi chiudendo la contesa.

Tre punti pesanti per il Granarolo che batte la Bolzanetese in uno scontro diretto per la salvezza e muove la classifica. I biancorossi ringraziano l’incocciata di Ratazzi, che in pieno recupero fa esplodere i tifosi e decide la gara. Vittoria all’inglese per il Campo Ligure che si conferma terza forza del torneo. Una rete per tempo consentono ai verdiblù di battere gli Old Boys Rensen. Apre Pisano al 23°, chiude Gianluca Pastorino al 75°. Arenzanesi che restano fra le ultime.

Partita tirata fra Casellese e Carignano con i valligiani che strappano un punto comunque importante nella corsa alla permanenza in categoria. Biancoblù che trovano il vantaggio al 33° con Compagnone chiudendo il primo tempo davanti. L’avvio di secondo tempo, però è negativo per i padroni di casa che vengono raggiunti su calcio di rigore da Canessa. Un altro rigore, di Occhipinti permette alla Casellese di tornare avanti, ma proprio quando la partita si avvia al termine, Salucci, entrato a gara in corso, beffa una Casellese che già pregustava la prima vittoria stagionale. 

Infine non si fanno male Atletico Quarto e Sporting Ketzmaja che concludono la gara a reti inviolate. Partita funestata dal brutto infortunio a Ianelli dello Sporting che cade male sulla spalla e deve uscire in barella. Poco gioco nel primo tempo, nella ripresa si fa preferire la squadra di casa che sfiora il gol con Villa. A due minuti dal 90’ arriverebbe il gol dei padroni di casa con una punizione di Fabiano che non viene toccata da nessuno e beffa Bellinazzi, ma sulla traettoria c’è un giocatore dell’Atletico che è in fuorigioco e l’arbitro annulla. Finisce quindi 0-0 con i gialloneri che perdono terreno dal primo posto.