Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Aspi, oggi l’ad Tomasi a Genova. Ecco le società terze che controlleranno strade e viadotti

Genova. “In questi giorni abbiamo attuato un piano di controlli con società terze sulle nostre opere, ne abbiamo pianificato 117 su cui fare attività, con un volume prossimo ai 100 milioni di euro”. Così Roberto Tomasi, amministratore delegato di Autostrade, oggi a Genova per un sopralluogo sui viadotti sotto la lente della procura. Tomasi ha incontrato solo alcune testate giornalistiche davanti alla sede della direzione Tronco Genova.

Aspi seguito di una procedura di evidenza pubblica, ha affidato all’ati composto da Proger Spa, Bureau Veritas Nexta Srl, Tecno Piemonte spa, Tecno Lab Srl le attività di sorveglianza delle opere d’arte della rete autostradale in gestione. Si tratta di importanti società di ingegneria attive nel settore dei monitoraggi e della certificazione di infrastrutture e materiali, che subentreranno progressivamente a Spea e svolgeranno il proprio incarico fino all’aggiudicazione della gara europea già bandita da Aspi per tale tipologia di attività e la cui conclusione è prevista entro la fine del prossimo anno.

“Il nuovo raggruppamento opererà in piena sinergia con la nuova piattaforma digitale per il monitoraggio in tempo reale di ponti e viadotti che Aspi sta sviluppando insieme a IBM e la cui sperimentazione inizierà a fine 2019 partendo dal viadotto Bisagno, con l’obbiettivo di coprire tutte 1943 opere d’arte della rete entro fine 2020”, si legge nella nota del concessionario autostradale. “Infine, entro la fine dell’anno, sarà completata l’asseverazione di tutte le 1943 opere d’arte della rete di Autostrade per l’Italia effettuata dalle società Proger e Speri”.