Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Amiu, la “lettera a Babbo Natale” di uno spazzino genovese: “Mettici tu una buona parola con quelli che contano”

La missiva ironica ma preoccupata è stata letta durante la messa per il Natale celebrata nell'officina della Volpara

Più informazioni su

Genova. “Caro Babbo Natale, quest’anno lo spazzino genovese non ti chiede un dono ma solo un piccolo favore”. Comincia così lettera ironica a Babbo Natale letta da uno spazzino per rimarcare le forti preoccupazioni dei lavoratori Amiu rispetto al futuro dell’azienda.

A leggerla venerdì mattina, nel corso della messa celebrata nel reparto carpenteria presso l’officina della Volpara, è stato il delegato del sindacato Usb Paolo Petrosino alla presenza dei colleghi e dei vertici aziendali. “Che cosa penseresti se avessi le pezze ai gomiti?” si legge nella lettera. “Quando andrai a consegnare i regali lassù, per favore, mettici una buona parola”.

La lettera esprime dubbi e incertezze soprattutto alla luce delle ultime esternalizzazioni avvenute lunedì scorso riguardanti “il servizio trasporto scarrabili isole ecologiche e mercati che, per l’ennesima volta vedono assegnato un servizio con affidamento diretto ai Melandri”.

“La cosa più irritante è il conseguente disservizio che lavoratori e cittadini devono subire – spiega Petrosino – oltre al fatto che tale decisione è avvenuta unilateralmente, improvvisamente e senza discussione alcuna con la rsu”.

I lavoratori Amiu inoltre da oltre 40 giorni attendono un incontro con sindaco nel quale si dovrebbero trovare i criteri per bloccare e riassorbire le esternalizzazioni. L’incontro dovrebbe essere fissato per il 19 dicembre.
.
“Ah Babbo Natale, dimenticavo – si chiude la letterina – sono quasi finite ma se ti servono per la slitta due o tre fascette vieni pure qui da noi perché lo spazzino genovese ha un grande cuore, quasi quanto il tuo”.