Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Amcor, lavoratori in sciopero e presidio: licenziamenti per futili motivi e persino carenze di vestiario

La Slc Cgil Genova e la rsu aziendale segnalano gravi problematiche nonostante le buone prospettive di lavoro

Arenzano. Ancora un licenziamento in Amcor, leader nel settore degli imballaggi. L’azienda opera nella zona industriale di Arenzano. Questa mattina sciopero e presidio davanti ai cancelli dello stabilimento di Arenzano in via val Leron a partire dalle 9.

Com’era già accaduto in passato, segnalano la segreteria Slc Cgil Genova e la Rsu Amcor Arenzano, il licenziamento è avvenuto per futili motivi: “a niente – si legge nella nota – sono valse le giustificazioni e il sincero rammarico da parte del dipendente, facendo assomigliare questa decisione a una rappresaglia più che ad un gesto motivato”.

In questi ultimi anni – fa sapere la Slc Cgil – le relazioni sindacali si sono deteriorate, nonostante le buone prospettive di lavoro. “Tante sono le note dolenti in Amcor: le turnazioni, dove il personale del sacchettificio viene impiegato più volte oltre 6 giorni consecutivi senza riposo. Il contratto di reperibilità reparto manutenzione è scaduto e al momento non rinnovato a fronte di una proposta aziendale che trasformerebbe il manutentore in un guardiano dei locali aziendali, anche se deserti (sabato, domenica e festivi)”.

Inoltre gli operatori del sacchettificio sarebbero impiegati sul ciclo continuo costretti a lavorare ad oltranza. Segnalate anche penalizzazioni sul premio di risultato, oltre che problemi di carenza vestiario che non viene consegnato in tempo utile al personale che deve iniziare il turno.

“Non è pensabile che una azienda così sana applichi un atteggiamento improntato alla durezza e alla tolleranza zero, nei confronti del personale”. Per questi motivi Slc Cgil non sarà presente all’incontro precedentemente calendarizzato per il giorno 16 dicembre e rilancia con una giornata di sciopero che si terrà lunedì 16 dicembre 2019 con presidio davanti ai cancelli dello stabilimento di Arenzano in Via Val Leron, 3a partire dalle ore 9.