Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Vincente e convincente: poker del Genoa alla Fiorentina e terzo posto

Il Genoa primavera vince ancora e occupa la terza piazza nel campionato di categoria. A Firenze un poker velocissimo piega la Viola.

Genova. Il Genoa primavera vince la sfida con la Fiorentina e si posiziona in terza piazza nella classifica del campionato di Primavera 1. Quattro a zero il risultato finale per i ragazzi di Chiappino, che possono dirsi soddisfatti.

Il Genoa si è presentato alla sfida fiorentina con Vodisek, Piccardo, Piccardo, Goncalves, Raggio, Verona Gronberg, Piccardo, Piccardo, Masini, Ebongue, Klimavicius. Bigica ha schierato Chiorra, Pierozzi, Simonti, Chiti, Fiorini, Rasmussen, Montiel, Hanuljak, Duncan, Koffi, Fruk. A dirigere la gara Di Ca Cairano, di Ariano Irpino.

Il primo quarto d’ora depone a vantaggio dei viola, che si fanno vedere in avanti più spesso, pur senza grandi pericoli per la porta rossoblù. É Pierozzi al quarto d’ora a mandare il pallone di poco a lato, con un bel sinistro dalla distanza. Klimavicius per il Genoa si fa vedere poco dopo, ma viene anticipato.

Alla mezz’ora cambia tutto. Il Genoa scatena un contropiede spietato, con Verona che è servito sulla trequarti avversaria e va in porta, siglando il vantaggio degli ospiti.

La Fiorentina non ci sta e prova a ribattere, forte anche del dominio sul campo fin qui conseguito. Montiel calcia di poco a lato, due minuti dopo Duncen centra la barriera, poi Pierozzi chiama a una bgran poarata Vodisek.

Il Genoa, però, è più cinico dei viola. Eboa apre per Klimavicius, che si destreggia bene nello stretto della difesa avversaria e insacca un raddoppio decisivo. Tre minuti dopo Moro sigla il 3-0: su un calcio d’angolo si smarca bene e trafigge Chiorra, per il gol che chiude di fatto la gara.

La Fiorentina incassa male il colpo, che negli ultimi minuti del primo tempo non riesce a costruire granché. La seconda frazione, poi, si apre ancora all’insegna del Genoa. Klimavicius si libera su errore di Rasmussen, si porta davanti a Chiorra e sigla il poker per i rossoblù.

La Fiorentina qui quasi scompare. Il Genoa ha il tempo di fallire un rigore, calciato da Zennaro e parato da Chiorra. Lo stesso Chiorra a venti minuti dal termine salva su Moro, che poi trova un palo cinque minuti più tardi. Praticamente un monologo.

Il Genoa chiude sul 4-0, dimostrando di essersi ripreso dalla sconfitta con la Roma. La classifica premia i Grifoncini, ora terzi. Ora la pausa per le nazionali, poi la sfida con il Pescara del 25 novembre.