Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tommaso Oxilia: il rientro in campo è vicino

Più informazioni su

Sembra finalmente avvicinarsi la fine del calvario sportivo di Tommaso Oxilia, ala classe 1998 della Unieuro Forlì. Il ragazzo ligure è out dallo scorso 24 marzo a causa di un brutto infortunio al legamento crociato del ginocchio e non ha ancora messo piede sul parquet in questa stagione 2019/2020. Il percorso di riabilitazione, però, prosegue spedito e Tommaso potrebbe essere il nuovo acquisto di gennaio di una squadra che al momento è al secondo posto della classifica del girone Ovest di A2 e che mira decisa ai playoff promozione.

Nato a Pietra Ligure nel 1998, Oxilia si innamora della pallacanestro da giovanissimo e muove i suoi primi passi con le giovanili dell’Asd Basket Loano. Fin da subito lo staff tecnico della società savonese si accorge di non trovarsi di fronte un ragazzo come gli altri ma un talento purissimo. Non sono gli unici. A mettere gli occhi su di lui moltissime squadre con la Virtus Bologna in primis che lo convoca per numerosi tornei giovanili.

Nel 2012 il primo squillo. In un evento giocato a Casale con le V Nere, Oxilia si prende il titolo di miglior giocatore grazie ai 35 punti di media realizzati a gara. Nel frattempo prosegue la crescita fisica (195 cm, non pochi per un esterno così giovane) e tecnica con il ragazzo che inizia a fare la differenza con i giocatori più grandi di lui in entrambe le metà campo.

Esempio lampante quello del “Trofeo delle Regioni 2013” svoltosi a Genova. Nonostante la squadra non sia una delle più attrezzate, Oxilia la trascina al nono posto assoluto a suon di canestri (28.5 punti di media e 44 nell’ultima gara) e giocate fatte di maturità e leadership. Il campionato regionale inizia così a essere troppo “stretto” per il suo talento e arriva il momento di cambiare scenario.

Nel Luglio 2013, Tommaso Oxilia lascia la Liguria per entrare ufficialmente nelle fila della Virtus Bologna, quest’anno tra le favorite di Oddschecker per la vittoria della nostra Serie A. E nel primo campionato giovanile con le V Nere continua a stupire. Soprattutto nel Trofeo Malaguti dove il ragazzo di Pietra Ligure trascina i suoi fino al secondo posto, ottenendo il premio di miglior giovane del torneo grazie ai 16 punti di media a partita.

Quello del torneo non sarà l’unico exploit della stagione. Pochi mesi dopo Oxilia guiderà la Virtus alla vittoria delle finali nazionali di Porto Sant’Elpidio e verrà eletto nel quintetto ideale della manifestazione a 17.7 punti a gara.

Nel frattempo arriva anche la soddisfazione dell’esordio nella massima serie nazionale. Il 10 maggio 2015 il tecnico Valli lo schiera in campo per la prima volta e Oxilia lo ripaga con 5 punti in undici minuti.

Dopo altre due annate in prima squadra con la Virtus, l’ala che ha come idolo Kobe Bryant decide di scendere di categoria per iniziare a farsi le ossa. La chance gliela da l’Assigeco Piacenza che ne fa un importante elemento nelle rotazioni. Le sue cifre nella stagione 2017/2018 parleranno di 6.8 punti e 4.3 rimbalzi a gara, il tutto con il 44% da due e un ottimo 46% da tre.

Nel 2018/2019 il passaggio alla Uniero Forlì, ancora una volta agli ordini di coach Valli. Ritrovato il tecnico che l’aveva fatto esordire in A1, Oxilia è cresciuto ancora, mettendo insieme la bellezza di 9,6 punti, 4.4 rimbalzi e 1.5 assist a partita nelle 25 gare giocate. Tra queste spiccano in particolare due prestazioni: quella del 30 dicembre 2018 in cui Tommaso ha segnato 20 punti nella vittoria contro la Pompea Mantova e quella del 17 febbraio 2019 in cui ha riscritto il libro dei primati personali segnando 21 punti nel successo contro la Bakery Piacenza.

Un processo di crescita che si è interrotto bruscamente il 24 marzo 2019 nel corso della sfida tra i romagnoli e Treviso in cui il ligure ha rimediato un bruttissimo infortunio al legamento crociato del ginocchio destro. Da lì l’operazione, il lungo processo di riabilitazione e, finalmente, il rientro in gruppo.