Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Terralba, rimossa la “libreria informale” accanto al mercato. Lo sgombero divide il quartiere foto

L'intervento richiesto da alcuni commercianti della zona, ma sono in molti a protestare

Più informazioni su

Genova. La polizia locale ha rimosso questo pomeriggio un deposito di libri usati in piazza Terralba, considerato “un ricettacolo di spazzatura e insetti”, che secondo alcuni era imputabile ad un “commercio abusivo”.

Al momento dell’intervento il proprietario non era presente e nessuno si è presentato per reclamare i libri, che sono stati trasportati presso la civica depositeria di via Oristano. Il luogo sarà pulito e sanificato da Amiu.

La richiesta di rimozione è arrivata dall’assessore Bordilli, che ha raccolto le segnalazioni da alcuni cittadini e commercianti, come riporta la nota stampa della polizia locale, ma sono in molti nel quartiere ad aver accolto con dispiacere la notizia. Per chi vive, o ha vissuto, nel quartiere, infatti, il “librario” era un personaggio noto, come la sua piccola “attività informale”, dove centinaia di persone, negli anni, avevano avuto la possibilità di trovare libri, consigli e umanità.

La storia, infatti, dietro a questa piccola nota di cronaca è più lunga e difficilmente sintetizzabile in poche righe: “l’abusivo” non era altro che un noto personaggio del quartiere, che da sempre “occupava” un piccolo angolo della piazza per comprare, leggere e rivendere a pochi centesimi libri di ogni natura. “Era la sua vita”, come si legge nei commenti sui social, e la piccola impresa di economia informale sicuramente non produceva reddito, ricchezza o speculazione.

Per anni aveva mantenuto un piccolo chiosco, rimosso durante una riqualificazione della piazza di qualche anno fa. L’uomo, quindi, si era arrangiato con scaffali improvvisati e scatole di cartone, portando avanti la sua piccola attività forse sì non autorizzata, ma sicuramente umana e controcorrente, quella, cioè, di vendere libri. Oggi piazza Terralba sarà anche più libera e pulita, ma forse è anche più vuota e asettica.