Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

San Teodoro, operazione della polizia locale: sequestrate venti auto e sgomberati occupanti abusivi di un appartamento foto

L'intervento dopo le segnalazioni dei cittadini. Nell'appartamento anche dei minorenni

Più informazioni su

Genova. Venti auto senza assicurazione sanzionate e rimosse dalla zona di piazza Pestarino, a San Teodoro. Occupante abusiva di casa comunale denunciata e trasferita al centro di temporanea permanenza per il rimpatrio.

Questi i risultati dell’operazione del 2º distretto territoriale della polizia locale su segnalazione della popolazione della zona.

Piazzale Pestarino, via Alizeri, via Digione e via Bologna, erano diventati il parcheggio a lungo termine di veicoli. La verifica ha consentito di stabilire che fossero tutti senza assicurazione dopo la consultazione della banca dati Ania: 10 autovetture, 3 autocarri, 7 motocicli. La polizia locale ha cercato e individuato i proprietari. Chi ha ritenuto è giunto sul posto per ottenerne l’affidamento. I mezzi sono stati rimossi. Tutti i proprietari sono stati sanzionati ai sensi dell’articolo 193 del codice della strada. La sanzione è pari a 868 euro, con riduzione del 30% – 607,60 euro – se pagata entro 5 giorni; è aumentata a 1.735 euro se non pagata entro 60 giorni. Se entro 5 giorni dalla pubblicazione sul portale della prefettura i proprietari si presenteranno all’ufficio sequestri dimostrando di aver completato gli adempimenti (compreso il pagamento dell’assicurazione) potranno rientrare in possesso dei veicoli, altrimenti i mezzi saranno definitivamente confiscati.

Gli abitanti della zona avevano anche segnalato l’occupazione abusiva di un immobile comunale sito al civico 16 di via Bologna. Nell’appartamento è stata trovata una donna di nazionalità bosniaca insieme a due nipoti di 15 e 16 anni (poi affidati a un altro zio). La donna è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria per “invasione di fabbricati”. Irregolare sul territorio nazionale, è stata accompagnata al Centro di permanenza e rimpatrio di Roma dalla polizia di Stato.