Mittal, Toti: “Per colpa del Governo l’ex Ilva rischia la chiusura” - Genova 24
Le reazioni

Mittal, Toti: “Per colpa del Governo l’ex Ilva rischia la chiusura”

Rixi: "Governo incapace di difendere interessi Paese dà alibi a multinazionale straniera"

Ilva interni impianti

Genova. “Complimenti al Governo: grazie alle trovate grilline e all’incapacità del Pd, Arcelor Mittal fugge dall’Italia. L’Ilva rischia la chiusura, con 20 mila persone per strada e i contribuenti italiani costretti a pagare quel che avrebbe pagato Mittal”. Così il presidente della Regione Liguria e leader di Cambiamo! Giovanni Toti oggi pomeriggio via fb interviene sull’annunciata rescissione dell’accordo per l’affitto con acquisizione delle attività di Ilva Spa. “Ma vi rendete conto? Abbiamo affidato il Paese a chi sosteneva di voler fare dell’Ilva di Taranto un parco giochi! In realtà – attacca Toti – ne sta facendo un deserto. La decrescita avanza, altro che felice. Lacrime e sangue. Siamo pronti a batterci in ogni modo con i lavoratori e ho già chiesto ai sindacati di vederci subito in Regione per fare il punto sulla situazione genovese e concordare ogni forma di mobilitazione in difesa dell’acciaio italiano”. 

Durissimo anche il commento del responsabile infrastrutture della Lega Edoardo Rixi: “Il governo giallofucsia crea un alibi alla multinazionale”, con “diecimila posti di lavoro a rischio e un buco in finanziaria da un miliardo all’anno”: E’ una “follia pura”.

“Con l’uscita di Arcelor Mittal – dice Rixi in una nota -, il governo Cinque Stelle-Pd-Iv-Leu completa il disegno folle di dare un comodo alibi a una multinazionale straniera per smantellare il ciclo dell’acciaio in Italia, mettere a rischio diecimila posti di lavoro, stoppando la bonifica del sito di Taranto e creando un effetto a catena negli stabilimenti di Genova e Novi Ligure. Se la proprietà dell’industria siderurgica tornasse ai commissari, l’ex Ilva porterà oneri allo stato per un miliardo di euro all’anno per i prossimi tre anni, una voce pesante che ci dovranno spiegare come coprire nella prossima finanziaria”.

“Qualora invece costringessero l’attuale proprietà a restare in Italia – aggiunge Rixi -, assisteremmo a un’autentica macelleria sociale, visto che sono stati annunciati già cinquemila esuberi. Questo governo ancora una volta dimostra di non essere in grado di fare interessi del Paese”.

leggi anche
bambini taranto ilva arcelor mittal
La missiva
Ilva, “I figli di Taranto sono figli anche di Genova”. La lettera aperta delle madri pugliesi
Sciopero Ilva 6 novembre
Gli scenari
Ex Ilva, se si ferma Taranto a Genova lavoro solo per pochi giorni
ilva
Tensione
Ex Ilva, Manganaro: “Patuanelli getta benzina sul fuoco. Pronti a scendere in strada, nessuno chiuderà Genova”